Attacco in un hotel in Mali
T

Attacco in un hotel in Mali

Un gruppo di uomini armati ha preso d'assalto un hotel di Bamako, in Mali. C'è stata una sparatoria. Gli attentatori hanno preso in ostaggio diverse persone

20 Nov. 2015  

Venerdì 20 novembre un gruppo di uomini armati ha attaccato l’hotel Radisson di Bamako, in Mali, e ha preso in ostaggio centinaia di persone.

Gli assalitori, entrando armati nell’albergo, avrebbero urlato in arabo “Allah è grande”, secondo quanto riferito da alcune forze di sicurezza. Poco dopo hanno aperto il fuoco e hanno preso in ostaggio le persone.

Gli attentatori sarebbero estremisti islamici e avrebbero fatto ingresso nell’albergo a bordo di una macchina diplomatica.

La polizia ha circondato l’hotel e ha evacuato l’area. Il Mali è stato una colonia francese dal 1892 fino al 1960, anno in cui è diventata una repubblica indipendente. 

QUI SOTTO LA DIRETTA DI OGGI (QUI UN RIASSUNTO)

– Il governo del Mali ha proclamato dieci giorni di stato d’emergenza e tre giorni di lutto nazionale.

– Due degli assalitori sarebbero stati uccisi dalle forze speciali

–  Secondo l’agenzia francese Afp non ci sarebbero più ostaggi nell’hotel

– I mediatori delle Nazioni Unite hanno riferito di aver visto 27 cadaveri, di cui 12 al piano terra e 15 al secondo piano

– Alle 18 ora italiana, Reuters ha riferito che uno degli assalitori sarebbe ancora nell’hotel

– Il gruppo jihadista africano Al-Mourabitoun – affiliato ad al-Qaeda – avrebbe rivendicato l’attacco, ma la notizia non è ancora stata verificata

Le forze speciali del Mali, coadiuvate da quelle francesi e statunitensi, stanno conducendo le operazioni di soccorso per portare in salvo gli ostaggi 

– Il ministro degli Esteri italiano Paolo Gentiloni ha dichiarato che non ci sono italiani coinvolti nell’attacco

– Sono stati sentiti forti colpi d’arma da fuoco all’interno dell’hotel di Bamako, in Mali. Le forze di sicurezza stanno procedendo piano per piano al fine di liberare gli ostaggi

– Il ministro degli Esteri francese Laurent Fabius ha detto che la Francia adotterà “tutte le misure necessarie” per combattere gli attentatori dell’agguato all’hotel Radisson di Bamako, in Mali  

– Secondo Reuters, uno degli ostaggi liberati avrebbe dichiarato di aver sentito gli assalitori parlare inglese

– Ci sarebbero anche 6 cittadini americani tra gli ostaggi portati in salvo 

– L’hotel Radisson Blu ha attivato linee telefoniche dedicate ai parenti di coloro che potevano trovarsi nell’edificio al momento dell’attacco 

– Venti ostaggi indiani sono stati evacuati

– La televisione cinese ha annunciato che quattro dei dieci cittadini cinesi presi in ostaggio sarebbero stati liberati

– Durante una conferenza stampa davanti all’hotel in cui sono ancora trattenuti gli ostaggi, il ministro dell’Interno di Mali Salif Traore ha affermato che nessuno degli assalitori sarà lasciato scappare: “Le forze speciali stanno ispezionando l’edificio stanza per stanza proprio in questo momento. Sono stati liberati già 30 ostaggi. Tre persone sono state uccise e due membri delle forze speciali sono rimasti feriti, ma non sono in pericolo di vita”. 

– La Turkish Airlines ha dichiarato che cinque dei suoi dipendenti sarebbero stati liberati, ma due si troverebbero ancora all’interno dell’hotel

– Un giornalista locale ha intervistato le forze speciali del Mali, che gli avrebbero riferito che la liberazione degli ostaggi finora strappati dalle mani degli assalitori è stata possibile perché gli attentatori non conoscono perfettamente la struttura dell’hotel 

 Un elicottero è in volo sull’hotel preso d’assalto 

– Un ostaggio liberato dall’intervento delle forze speciali ha parlato con France 24: “Ci sono ancora molte persone lì dentro. Nella reception ho visto dei cadaveri”

– Il broadcast francese BFMTV ha mostrato in un video le immagini di alcuni ostaggi mentre uscivano dall’hotel

– Il governo francese ha annunciato che 50 membri delle forze speciali stanno Partendo da Parigi per Bamako


– Il presidente francese François Hollande ha espresso la propria solidarietà per quanto sta accadendo in Mali e ha affermato che si sta facendo tutto il possibile per liberare gli ostaggi

– Air France ha twittato che tutti i 12 dipendenti della compagnia aerea francese che erano stati presi in ostaggio in Mali sarebbero stati liberati


– L’ambasciatore indiano ha dichiarato che almeno 20 indiani sarebbero nelle mani degli assalitori


– Anche 7 membri dell’equipaggio della Turkish Airlines sono tenuti in ostaggio nell’hotel, 5 dei quali sarebbero riusciti a scappare. Insieme a loro ci sono anche alcuni membri dell’equipaggio di Air France 

– Ci sarebbero anche 10 cinesi fra le persone tenute in ostaggio. Uno di questi ha girato un video (qui sotto)

– Gli attentatori starebbero facendo recitare versi del Corano ad alcuni ostaggi. Libererebbero solo quelli che saprebbero farlo

– Il presidente del Mali Ibrahim Boubacar Keïta si trovava in prima film insieme a Francois Hollande alla marcia repubblicana tenutasi a Parigi nel gennaio del 2015 in seguito all’attentato contro la redazione del settimanale satirico Charlie Hebdo

(Qui sotto: le prime foto degli ostaggi scortati dall’hotel preso d’attacco) 

– Almeno due persone appartenenti al corpo di sicurezza dell’albergo sono state ferite nello scontro a fuoco. Il comandante della polizia del Mali ha detto che il commando di uomini armati che ha attaccato l’hotel è composto da almeno dodici persone 

—- Questa breaking news è in costante aggiornamento, aggiornare la pagina per ulteriori informazioni 


Il Radisson Blu hotel di Bamako, di proprietà americana, si trova a ovest del centro della capitale del Mali, in un quartiere dove abitano diversi ministri e diplomatici. L’albergo, uno fra i più grandi del Paese, disporrebbe di 190 camere e sarebbe pieno all’80 per cento.

L’ambasciata statunitense a Bamako ha chiesto a tutto lo staff e ai cittadini americani in Mali di trovare un rifugio. Il Mali è stato una colonia francese dal 1892 fino al 1960, anno in cui è diventata una repubblica indipendente.