Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:39
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Turismo

Il sud rischia di rimanere indietro, anche con i soldi del Pnrr

Immagine di copertina

L’accorato appello del Senatore Dario Stefàno per le infrastrutture nel Mezzogiorno d’Italia

Il Sud ha bisogno urgente di una rete ferroviaria ad Alta Velocità  e di una rete stradale efficiente. Senza dubbio una speranza in questo senso viene dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza che stanzia il 40% delle risorse territorializzabili al Sud d’Italia.

“Ma questo rischia di non essere una vittoria – evidenzia il Senatore Dario  Stefàno, Presidente della 14a Commissione  Politiche dell’Unione Europea, nel suo vibrato intervento in Senato durante l’iter di approvazione del PNRR – poiché il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza prevede che, come ci chiede l’Europa, vengano finanziati solo progetti cantierabili, cioè immediatamente operativi perché già pensati e progettati. C’è pertanto il rischio concreto che i primi restino sempre primi e a farne le spese , come sempre, sia il Sud”

Secondo il Senatore leccese Stefàno il PNRR, così come è concepito, rischia di premiare chi è più pronto, più organizzato , le amministrazioni più efficienti , e di lasciare il Sud al suo atavico ritardo e al rischio di non riuscire a spendere le risorse che arriveranno.

Non è un caso che un’infrastruttura fondamentale come l’Alta Velocità sia finanziata con 8,57 miliardi per il Nord, che giustamente deve collegare l’Italia al resto d’Europa , mentre per il Sud ,dove l’ Alta Velocità quasi non esiste, sono previsti solo 4,64 miliardi. Cosi come sono previsti ingenti investimenti per i porti di Genova e Trieste , e non si considera invece l’importanza geostrategica del triangolo portuale Napoli- Taranto_Gioia Tauro.

Per Stefàno è lo Stato che deve subentrare per affiancare le amministrazioni locali del Sud per redigere velocemente progetti infrastrutturali e renderli immediatamente cantierabili, come ci chiede l’Europa . Magari pensando anche a un progetto di Alta Velocità per la linea Adriatica, di cui nel Piano al momento non si fa menzione. Ci sono poi le tante tratte regionali che al Sud soffrono di un disservizio veramente pesante. Vanno pensati anche i collegamenti delle città medie che oggi rimangono schiacciate tra le aree metropolitane e le aree interne

Insomma, per il Senatore Stefàno il PNRR deve essere l’occasione affinché non possano più esistere due Paesi in uno.

Ti potrebbe interessare
Turismo / Nell’incantevole Marina di Puntaldia un doppio appuntamento per gli amanti della vela
Turismo / In Valnerina un premio speciale al coraggio
Turismo / DA New York A Saint Tropez per promuovere l’Italia nel mondo
Ti potrebbe interessare
Turismo / Nell’incantevole Marina di Puntaldia un doppio appuntamento per gli amanti della vela
Turismo / In Valnerina un premio speciale al coraggio
Turismo / DA New York A Saint Tropez per promuovere l’Italia nel mondo
Turismo / Enit: Giuseppe Albeggiani è il nuovo amministratore delegato
Turismo / L’Islanda e “La rinascita dell’uomo nella natura”
Economia / Voglia di (ri)partire: ecco come si sta rialzando il settore del turismo
Turismo / Viaggi a sorpresa: la nuova frontiera delle vacanze
Turismo / Tra Italia e Svizzera, il treno verde delle Alpi
Turismo / Open Library, la prima collezione digitale gratuita delle più belle foto dell’Italia
Turismo / Le signore del Chianti