Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 12:57
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Turismo

I cento mecenati di Macerata

Immagine di copertina

Esempio virtuoso di sostegno agli eventi culturali del territorio

Furono Cento Consorti i benefattori che regalarono a Macerata la sua Arena Sferisterio, nel 1829.  Sono  Cento Mecenati che oggi continuano a sostenere uno dei più bei teatri lirici all’aperto del mondo. Molti sono cittadini di Macerata appassionati di lirica , ma ci sono anche cittadini stranieri che ogni anno vengono a godere lo spettacolo della lirica in una delle città medioevali più belle del centro Italia.

Una dei Cento Mecenati è Rosaria Del Balzo Ruiti, vera istituzione in città. E’ la Presidente della Croce Rossa di Macerata e la Presidente della Fondazione CARIM, Cassa di risparmio di Macerata.

Lei è doppiamente mecenate : una come privata cittadina appassionata di lirica  e una , ben più sostanziosa, come Presidente della Fondazione Carim.

“Noi mecenati non siamo dei semplici sponsor o sostenitori economici dello Sferisterio – dice la presidente Del Balzo Ruiti -. Il mecenate è colui che affianca un progetto, lo protegge e lo condivide. Ci vuole una motivazione molto più forte per sentirsi mecenate.

Siamo coinvolti tutto l’anno nella vita artistica dello Sferisterio,  e per noi appassionati di lirica è una cosa entusiasmante – continua Rosaria del Balzo Ruiti- e poter contribuire alla vita del nostro Teatro ci rende molto orgogliosi : lo Sferisterio , per una città come Macerata che vive di terziario, rappresenta un polo attrattivo turistico molto importante ed è pertanto un centro nevralgico della nostra città”.

L’adesione ai Centi Mecenati avviene attraverso il progetto ART BONUS  istituito dal Ministero della Cultura  per  favorire il sostegno di privati al finanziamento di progetti culturali: la normativa prevede agevolazioni fiscali del 65% in tre anni , su 1000 euro devoluti se ne  recuperano 650 sotto forma di credito di imposta.

“L’agevolazione fiscale come credito di imposta è un’intuizione molto importante del Ministero della Cultura per invogliare anche le imprese del territorio a finanziare progetti culturali – continua la Dal Balzo- Quest’anno siamo arrivati terzi al concorso “Progetto Art Bonus dell’anno” e questo oltre a renderci orgogliosi ci rende anche più competitivi : il prossimo anno vogliamo arrivare primi perché lo Sferisterio merita tutto il nostro impegno”.

Ti potrebbe interessare
Turismo / Dedicata al Turismo la prima riunione Ministeriale della Presidenza Italiana del G20
Turismo / Enit annuncia la nascita di Visit Italy Web Radio
Turismo / “Se non si vaccina la fascia di popolazione tra i 60 e i 20 anni il turismo non riparte”
Ti potrebbe interessare
Turismo / Dedicata al Turismo la prima riunione Ministeriale della Presidenza Italiana del G20
Turismo / Enit annuncia la nascita di Visit Italy Web Radio
Turismo / “Se non si vaccina la fascia di popolazione tra i 60 e i 20 anni il turismo non riparte”
Turismo / Il sud rischia di rimanere indietro, anche con i soldi del Pnrr
Turismo / Il Ministro del turismo Massimo Garavaglia sblocca 480 milioni
Turismo / L’Arena Sferisterio di Macerata festeggia i 100 anni dell’attività lirica e riapre la stagione
Turismo / Grecia, non solo isole
Turismo / Il Cilento dei giovani che vogliono ripartire
Turismo / Chioggia si candida a Capitale Italiana della Cultura 2024
Turismo / Turismo del vino in Italia, il volume presentato al Senato