Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 18:04
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Turismo

DA New York A Saint Tropez per promuovere l’Italia nel mondo

Immagine di copertina

Luciano Cucco cittadino benemerito di Chioggia grazie al suo impegno per l’Italia nel mondo

La folgorazione l’ha avuta tanti anni fa, vedendo in televisione una anziana signora che piangeva al passaggio della bandiera italiana per le strade di New York durante la sfilata del Columbus Day. “Ecco dove sono i veri italiani, orgogliosi della nostra bandiera” – pensa Luciano Boscolo Cucco di Chioggia, uomo di mare da sempre e imprenditore di successo.

E da qui il pensiero fisso di fare qualcosa anche lui per l’Italia, amata più all’estero che a casa propria. Lui, da uomo modesto qual è, ritiene che sia stata la vita e l’Italia a regalargli il successo, e vuole quindi ricambiare il suo Paese adoperandosi per farne conoscere la cultura, la storia e le eccellenze.

Parte da lì, da New York, dove ha visto l’amore per l’Italia negli occhi di coloro che vivono lontano dalla loro terra di origine e nel 2006, alla parata del Columbus Day, fa sfilare un antico bragozzo chioggiotto, cioè la tipica imbarcazione da pesca a fondo piatto che, in un lontano passato, dalla laguna di Venezia si è diffusa in tutto l’Adriatico. Un tripudio per gli oriundi veneti di New York che hanno potuto respirare aria di casa rivedendo il cimelio lagunare che sfilava scortato da personaggi illustri e Istituzioni.

Da lì Luciano coltiva il sogno di celebrare l’11 settembre e il glorioso corpo dei vigili del fuoco, il cui capitano è di origine italiana, portando a New York le spoglie di Santa Barbara, protettrice dei marinai e dei pompieri. Le spoglie della Santa, che riposano nella chiesa di San Martino nell’isola di Burano, volano in prima classe e arrivano a New York dove sono esposte a Ground Zero. L’11 settembre si tengono le celebrazioni e la messa di commemorazione per le vittime dell’attentato, i pompieri sono in alta uniforme e omaggiano con grande devozione le sante spoglie della loro protettrice. E’ dunque un momento di intenso scambio tra Italia e Stati Uniti e per suggellare questo scambio Luciano Cucco fa realizzare due mosaici con l’effige di Santa Barbara : una immagine con la Santa che tiene in braccio il campanile di Venezia è stata donata alla chiesa si San Salvatore a Manhattan, mentre un altro mosaico in cui la Santa tiene in braccio l’Empire State Building si trova nella chiesa di san Martino a Burano.

E poi le tante manifestazioni a sostegno delle associazioni italo americane, come ILICA dell’amico Vincenzo Marra, che promuovono gli scambi culturali ed economici tra Italia e Stati Uniti: Luciano è sempre presente per rappresentare la sua Chioggia e l’Italia. Anche in Europa Luciano Cucco lavora per promuovere il nostro Paese. A Saint Tropez, durante la manifestazione internazionale di imbarcazioni d’epoca le “Vele Latine” Cucco non perde l’occasione per far conoscere l’Italia, il suo Veneto e le eccellenze del territorio portando prosecco, risotto e pesce chioggiotto freschissimo per tutti i partecipanti che fanno la fila per degustare l’ottimo pesce fritto al cartoccio e le altre eccellenze enogastronomiche italiane. Il suo prossimo obiettivo è quello di sancire il gemellaggio tra Chioggia e Saint Tropez, città legate dal grande amore per il mare.

L’amore di Luciano Cucco per il mare lo fa diventare console della Mariegola delle Romagne, associazione che promuove la tradizione marinara e la cultura delle imbarcazioni d’epoca. Il suo lavoro di console è molto intenso, oggi più che mai, per il rilancio turistico delle coste dell’alto Adriatico. Sta lavorando alla nuova edizione della regata di imbarcazioni storiche sulla Rotta del sale, l’antica via marinara che da Cervia portava il sale a Chioggia e alla città ducale di Venezia. A causa delle pandemia si terrà solo nel 2022 ma, ci sarà da scommetterci, sarà un altro momento di grande passione  per la bellezza dell’Italia e delle sua cultura.

Ti potrebbe interessare
Turismo / Enit: Giuseppe Albeggiani è il nuovo amministratore delegato
Turismo / L’Islanda e “La rinascita dell’uomo nella natura”
Economia / Voglia di (ri)partire: ecco come si sta rialzando il settore del turismo
Ti potrebbe interessare
Turismo / Enit: Giuseppe Albeggiani è il nuovo amministratore delegato
Turismo / L’Islanda e “La rinascita dell’uomo nella natura”
Economia / Voglia di (ri)partire: ecco come si sta rialzando il settore del turismo
Turismo / Viaggi a sorpresa: la nuova frontiera delle vacanze
Turismo / Tra Italia e Svizzera, il treno verde delle Alpi
Turismo / Open Library, la prima collezione digitale gratuita delle più belle foto dell’Italia
Turismo / Le signore del Chianti
Turismo / Decreto sostegni: raddoppiano le risorse per il turismo
Turismo / Come è cambiato il turismo in Italia negli ultimi cento anni
Turismo / Il primo giugno apre in Sardegna il nuovo Hotel del Gruppo Baglioni