Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 10:17
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Turismo

Come è cambiato il turismo in Italia negli ultimi cento anni

Immagine di copertina

Enit apre al pubblico il suo archivio storico, il più grande album fotografico del nostro Paese

Foto, diapositive, manifesti, pagine pubblicitarie : oltre 1600 documenti, la cui digitalizzazione sarà completata entro il 2023, che raccontano come sono cambiati i modi di fare turismo in Italia. Enit, l’Ente per la promozione dell’Italia nel mondo, rende pubblico il suo archivio storico frutto di oltre cento anni di comunicazione e promozione del nostro Paese.

Un amarcord tra i più sorprendenti e struggenti che documentano non solo come sono cambiati i costumi ma anche i modi di fare turismo in Italia. Una testimonianza storica senza precedenti, che ricorda volti, destinazioni , costumi che nel tempo si sono evoluti e sono cambiati, come documentano le foto e i manifesti pubblicitari .

L’archivio storico di Enit ( www.enit.it) fu costituito a partire dal 1919, anno di nascita dell’Ente che ha il compito di far conoscere l’Italia all’estero come meta turistica d’eccellenza.

Un flusso che è passato da 900 mila visitatori stranieri nel 1911 ai 64 milioni di arrivi dei nostri giorni– afferma il Direttore di Enit Giovanni Bastianelli- con un apporto economico passato dai due miliardi e mezzo di lire ai 42 miliardi di euro”.

Le importanti testimonianze raccolte in questo archivio con un imponente lavoro di sistematizzazione, consentono di centralizzare documenti non solo di proprietà di Enit ma anche provenienti da collezioni private . Il risultato è un progetto di innovazione digitale in cui l’archivio storico dialoga direttamente con una piattaforma 3D e questa innovazione tecnologica consentirà di allestire mostre, di associare approfondimenti audio e materiali multimediali per documentare in modo ancora più approfondito come si sia evoluta la Penisola anche sotto l’influenza dello sviluppo turistico.

Sarà possibile gustare gli estratti dei documentari commissionati da Enit al grande regista Luciano Emmer, che raccontava le bellezze d’Italia attraverso lo storytelling dei sentimenti. Si potrannno rivedere le campagne pubblicitarie a partire dagli anni 20, firmate dai migliori designer del periodo, che documentano perfettamente l’evoluzione del turismo.

E infatti per il Presidente di Enit Giorgio Palmucci : “ La cultura fruibile attraverso documenti storici e strumenti innovativi è un modo contemporaneo per ampliare l’ospitalità italiana e amplificare sempre più il respiro e la conoscenza internazionale di questo Paese che è tra i più desiderati al mondo dagli stranieri “.

Ti potrebbe interessare
Roma / Transfer Service Rome: soluzione Top Class per spostamenti nella Capitale
Interviste / Allarme buche sull’asfalto: “Il problema è nella manutenzione”
Turismo / La Sardegna delle donne
Ti potrebbe interessare
Roma / Transfer Service Rome: soluzione Top Class per spostamenti nella Capitale
Interviste / Allarme buche sull’asfalto: “Il problema è nella manutenzione”
Turismo / La Sardegna delle donne
Turismo / MSC guarda oltre la crisi con il varo di due nuove navi
Turismo / New York riapre e aspetta i turisti con tante novità
Turismo / Nel cuore dell’Alpe di Siusi un’oasi di salute e benessere
Turismo / Roma si veste di Polonia
Turismo / Inverno in Ticino: la Svizzera che non ti aspetti
Turismo / Tenuta di Artimino, wine destination tra le colline di Firenze
Turismo / Nell’incantevole Marina di Puntaldia un doppio appuntamento per gli amanti della vela