Covid ultime 24h
casi +8.824
deceduti +377
tamponi +158.674
terapie intensive +41

Terremoto oggi a Ragusa 22 dicembre 2020: magnitudo, epicentro. Dalle prime verifiche né feriti né danni

Di Antonio Scali
Pubblicato il 22 Dic. 2020 alle 21:42 Aggiornato il 22 Dic. 2020 alle 23:20
341
Immagine di copertina

Terremoto oggi a Ragusa 22 dicembre 2020: magnitudo, epicentro

TERREMOTO OGGI RAGUSA – Una forte scossa di terremoto è stata registrata questa sera, 22 dicembre 2020, nella zona di Ragusa, in Sicilia, intorno alle 21.27. La magnitudo è di 4.4 (inizialmente data a 4.6), secondo quanto stimato dall’Ingv, ad una profondità di 30 chilometri. La stima provvisoria prevedeva una magnitudo tra 4.9 e 5.4. Subito dopo la scossa, decine di persone hanno iniziato a scrivere sui social in cerca di informazioni, dopo aver avvertito nettamente il sisma. La scossa è stata avvertita anche a Palermo e Catania. A Siracusa i mobili si sono mossi e la gente si è spaventata.

La terra ha tremato per una decina di secondi. L’epicentro in mare tra Santa Croce Camerina e Gela in provincia di Ragusa, ad una profondità di 30 chilometri. Preceduta da un forte boato, la scossa è durata una quindicina di secondi ed è stata sentita dalla popolazione in tutto il territorio provinciale. Al momento, il sindaco di Ragusa, Giuseppe Cassì ha affermato che non sono stati segnalati danni.

Tante le chiamate ai centralini dei vigili del fuoco di Siracusa e Ragusa, in tanti hanno preferito scendere in strada, temendo il crollo delle case: a tanti è venuto in mente quanto accaduto 30 anni quando la notte del 13 dicembre del 1990 il sisma causò la morte di 12 persone. Al momento, riferiscono i Vigili del fuoco, ci sono solo “richieste di informazione, nessuna richiesta di soccorso né segnalazioni di danni” in merito alla forte scossa di terremoto registrata questa sera in Sicilia orientale. Una palazzina di quattro piani è rimasta lesionata a Gela dal sisma che ha interessato la Sicilia orientale. La palazzina è abitata, ma nessuno è rimasto ferito. Sul posto operano i vigili del fuoco e la protezione civile. In città è attivato il Centro operativo comunale. Molte famiglie sono ancora in strada, dove erano scese dopo aver vissuto dieci secondi interminabili di paura.

Il presidente della Regione Nello Musumeci è in contatto con il prefetto di Ragusa Filippina Cocuzza e con il capo della Protezione civile regionale Salvo Cocina, per un costante aggiornamento della ricognizione di eventuali conseguenze. Le squadre dei vigili del fuoco di Ragusa stanno effettuando “sopralluoghi nella città per verificare la sussistenza di danni di lieve entità su due edifici”. Lo riporta un tweet dei Vigili. Gli esperti dell’Ingv spiegano che non ci sono legami con l’attività dell’Etna attualmente in corso.

“Per il momento non si registrano danni a cose e persone. C’è tanta paura tra la popolazione, molta della quale ha preferito scendere in strada ed era comprensibilmente impaurita”. Lo ha detto all’AGI il sindaco di Siracusa, Francesco Italia. “Ci sono in giro – ha aggiunto – i vigili del fuoco ed il personale della Protezione civile per fare una ricognizione ma ancora non abbiamo segnalazione di danni e speriamo davvero che non ce ne siano. Io ero a casa, ho avvertito la scossa: davvero ha fatto paura”.

Notizia in aggiornamento

Tutte le scosse di oggi, martedì 22 dicembre 2020 / Cosa fare in caso di una scossa 

341
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.