Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:05
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Tecnologia

L’elefante nella stanza: perché con Elon Musk Twitter vira a destra

Immagine di copertina
Credit: Ewan White

Col magnate sudafricano, il social si prepara alla svolta politica. E a rimuovere ogni regola su fake news e discorsi d’odio. I sovranisti (italiani inclusi) esultano. Ma c’è un problema: sulla piattaforma dialoga solo una ristretta élite di privilegiati. Intanto Salvini elogia il Ceo di Tesla per i suoi attacchi alla sinistra: “Mi piace quest’uomo!”

«I Democratici sono diventati il partito della divisione e dellodio. In passato ho votato per loro, ma adesso voterò per i Repubblicani». Con questo cinguettio, pubblicato sul suo profilo lo scorso 18 maggio, Elon Musk ha sancito una volta per tutte che la sua imminente (sebbene ancora non conclusa) acquisizione di Twitter potrebbe segnare lennesimo cambio di paradigma nei rapporti tra i social media e la politica occidentale. A metà aprile, del resto, quando limprenditore sudafricano aveva annunciato lintenzione di comprare la piattaforma di microblogging, alcuni tra i più autorevoli esponenti del progressismo americano avevano lanciato lallarme: «Questa operazione rappresenta un pericolo per la nostra democrazia», aveva tuonato la senatrice Elizabeth Warren, da sempre in prima linea nella lotta allo strapotere delle Big Tech. Dallaltra parte della barricata, al contrario, i Repubblicani facevano festa. Marsha Blackburn, senatrice del Tennessee, cinguettava trionfante: «Questo è un grande giorno per i conservatori su Twitter. Larrivo di Musk sta terrorizzando la sinistra». Che tra il magnate e lamministrazione Biden non scorra buon sangue è, daltronde, cosa nota: Musk si è più volte lamentato per latteggiamento del presidente Usa nei confronti di Tesla (la compagnia produttrice di auto elettriche di cui Musk è amministratore delegato) a suo dire «apertamente ignorata e penalizzata» da Biden a beneficio di aziende concorrenti come Ford e General Motors.

E già in tempi non sospetti, il miliardario sudafricano aveva espresso nostalgia per lefficienza dellamministrazione Trump: «A differenza di Biden – scriveva Musk proprio su Twitter – Trump era in grado di portare a termine le cose».

Ma lentusiasmo della destra americana nei confronti di Elon Musk va compreso allinterno di una cornice più ampia: il takeover di Twitter, qualora venisse finalizzato, potrebbe infatti riportare i social media nellera del populismo digitale, ovvero quella commistione tra infrastrutture delle piattaforme e discorso politico culminata, nel 2016, con lelezione di Trump alla Casa Bianca e la vittoria del Leave” nel referendum sulla Brexit.

La reconquista” dei social

Musk ha già chiarito che, sotto la sua guida, Twitter riaprirà immediatamente le proprie porte allex presidente Usa. La cacciata del tycoon, avvenuta nel gennaio del 2021 dopo lassalto dei suoi sostenitori a Capitol Hill, ha segnato il culmine di una guerra santa” tra i conservatori e le piattaforme social che ha preso forma solo di recente. Il passato, però, racconta una storia ben diversa.

Per anni i social media hanno infatti rappresentato il terreno di coltura del populismo di destra: in nome della libertà di espressione, infatti, piattaforme come Facebook e Twitter hanno lasciato proliferare unondata di disinformazione spesso orchestrata da agenzie straniere come la Internet Research Agency, la compagnia russa che organizza campagne di propaganda online per conto del Cremlino e che aveva dato vita a una gigantesca operazione di manipolazione delle elezioni Usa 2016 (quelle vinte da Trump), come attestò a suo tempo lindagine del procuratore speciale Robert Mueller. Come emerso anche nei Facebook Papers”, i documenti riservati della compagnia di Mark Zuckerberg rivelati dalla whistleblower Frances Haugen, tra il 2015 e il 2018 i social media hanno favorito lascesa del populismo sovranista nelle democrazie occidentali, costruendo (in nome dellassenza di regole) uninfrastruttura ideale per la proliferazione dei contenuti incendiari e di informazioni false.

Un modus operandi culminato nello scandalo Cambridge Analytica, la società di consulenza fondata dallex guru del trumpismo Steve Bannon che aveva illecitamente ottenuto da Facebook i dati di milioni di cittadini americani allo scopo di manipolarne le preferenze elettorali.

È stato in quel momento, però, che qualcosa è cambiato: londa lunga degli scandali, la pressione delle autorità antitrust e dellUe, hanno determinato una progressiva regolamentazione che le piattaforme si sono, in qualche modo, anche auto-imposte.

La cacciata di Trump da Twitter ha rappresentato quindi lepilogo di questo cambio di paradigma: da lì in poi, i social media nella narrazione dei Repubblicani sono diventati improvvisamente di sinistra”, pronti a favorire coi loro algoritmi i contenuti di area progressista e a punire quelli conservatori con immotivate censure…
Continua a leggere l’articolo sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Tecnologia / La chirurgia estetica del seno comprende diversi interventi: vediamo quali insieme al Dr. Piombino
Tecnologia / NFT, i legali: “Concorrono al patrimonio, ma sono difficilmente pignorabili”
Tecnologia / Instagram down oggi 23 giugno 2022: l’app non funziona, cosa è successo, Stories
Ti potrebbe interessare
Tecnologia / La chirurgia estetica del seno comprende diversi interventi: vediamo quali insieme al Dr. Piombino
Tecnologia / NFT, i legali: “Concorrono al patrimonio, ma sono difficilmente pignorabili”
Tecnologia / Instagram down oggi 23 giugno 2022: l’app non funziona, cosa è successo, Stories
Tecnologia / Khaby Lame è il più seguito al mondo su TikTok
Tecnologia / Internet down oggi 21 giugno 2022, siti irraggiungibili: “500 Internal Server Error”
Tecnologia / Le Big Tech vogliono i nostri dati? Li pagassero: perché è ora di istituire un reddito da profilazione
Tecnologia / La trappola delle Big Tech: così i colossi del web sfruttano i nostri dati per fare soldi
Tecnologia / Videocamere, droni o altri dispositivi: così milioni di persone vengono spiate in barba alla privacy
Tecnologia / Cybersicurezza, Mulè: “Urgono ‘mura solide’ per tutto il sistema – Paese”
Tecnologia / Addio a Internet Explorer: dal 15 giugno il browser di Microsoft va in pensione