Covid ultime 24h
casi +15.199
deceduti +127
tamponi +177.848
terapie intensive +56

Inghilterra, scontri in strada tra tifosi del Millwall e dell’Everton | VIDEO

Di Redazione TPI
Pubblicato il 27 Gen. 2019 alle 14:22 Aggiornato il 27 Gen. 2019 alle 14:23
0

Nel Regno Unito torna con forza l’emergenza ultras. E scoppiano le polemiche per le poche misure di sicurezza approntate. Le immagini risalgono allo scorso 26 gennaio. A destra, nel video, i tifosi del Millwall. A destra, quelli dell’Everton.

Gli scontri si sono verificati all’esterno dello stadio The Den, nel quartiere New Cross di Londra. Il The Den è lo stadio del Millwall e sorge a 300 metri dalla stazione di South Bermondsey.

Diventato famoso per il film “Hooligans”, che racconta la rivalità tra il Millwall e il West Ham, si trova a meno di 500 metri di distanza dal vecchio The Den, oggi noto come Old Den. Ed è qui che prima di ogni partita si radunano gli hooligans del Millwall.

Lo scorso 26 gennaio era in programma la sfida di FA Cup tra la squadra locale, che attualmente milita nella Football League Championship, la seconda divisione del calcio inglese, e l’Everton, squadra della Premier League.

Gli scontri sono andati in scena prima dell’inizio del match, che si è concluso con la vittoria a sorpresa della squadra di casa.

Il Millwall ha infatti battuto per 3 a 2 l’Everton grazie a un gol, nel recupero, di Murray Wallace. Ma la partita è finita agli onori delle cronache per i violenti scontri scoppiati prima dell’inizio della partita nei pressi della stazione di South Bermondsey.

Secondo quanto riportato dai media locali, si è trattato di “scontri organizzati”. I tifosi dell’Everton, infatti, sono arrivati in borghese evitando così i controlli delle forze dell’ordine e si sono diretti dalla parte opposta rispetto al percorso riservato agli ospiti.

A pochi metri dal The Den, l’incontro con gli ultras del Millwall. Le immagini sono impressionati: a mani nude, un nutrito gruppo di tifosi ha infatti dato vita a pochi minuti di scontri, ma violentissimi.

Poi, all’arrivo delle forze dell’ordine, il gruppo si è sparso, facendo perdere le tracce.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.