Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 09:57
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Sport

Tragedia Emiliano Sala, un minuto di silenzio in Champions ed Europa League

Immagine di copertina

Emiliano Sala minuto silenzio Champions League | Europa League | Juventus | Roma

SALA MINUTO SILENZIO CHAMPIONS LEAGUE – Un omaggio per Emiliano Sala. Torna oggi la Champions League e il grande calcio europeo ricorda lo sportivo scomparso a seguito di un incidente aereo con un minuto di silenzio. Ad annunciarlo è la Uefa.

Il momento di raccoglimento riguarda tutte le partite di Champions ed Europa League in programma tra il 12 e il 14 febbraio 2019. Una decisione presa anche dopo quanto fatto nell’ultimo weekend in Francia, sui campi di Ligue 1 e Ligue 2, sui quali Sala era cresciuti calcisticamente.

In questa tre giorni le squadre, se vorranno, potranno indossare la fascia nera al braccio, come modo ulteriore per omaggiare il calciatore argentino. Il presidente della Uefa Aleksander Ceferin ha voluto dimostrare così la propria solidarietà alla famiglia di Sala.

“A nome della Uefa, vorrei fare le mie più sincere condoglianze alla famiglia e ai cari di Emiliano Sala. Sono profondamente rattristato che la sua vita sia stata strappata con questa crudeltà e a questa età, dunque invito i tifosi di tutta Europa a rendergli omaggio nei prossimi giorni”, ha dichiarato Ceferin attraverso una nota sul sito ufficiale della Uefa.

Emiliano Sala è morto in un incidente aereo con il pilota David Ibbotson il 21 gennaio scorso, mentre attraversava la Manica. Il ritrovamento ufficiale del corpo il 7 febbraio (QUI I DETTAGLI).

Domenica 3 febbraio era stato ritrovato l’aereo su cui viaggiava il calciatore italo argentino Emiliano Sala scomparso il 21 gennaio scorso. All’interno del velivolo era visibile il corpo di una persona, come rende noto la Air Accident Investigation Branch (AAIB), l’agenzia investigativa britannica per gli incidenti aerei che coordina le ricerche.

Leggi anche: Il portafogli sotto al mare. Il Nantes chiede i soldi per Emiliano Sala, il calciatore morto in un incidente aereo

Il 4 febbraio era stato individuato un corpo, che si è scoperto essere del calciatore, dopo il riconoscimento.

“Tragicamente, un occupante è visibile tra le macerie. L’AAIB sta ora valutando i prossimi passi, consultandosi con le famiglie del pilota e del passeggero oltre che con la polizia”, ha scritto l’Agenzia.

Sala si trovava a Nantes per un ultimo incontro con i compagni di squadra, prima di volare verso Cardiff, dove aveva firmato un accordo nella sessione invernale di calciomercato solo pochi giorni prima per una cifra record di 17 milioni di euro.

L’aereo è stato scoperto da una delle barche impegnate nella ricerca attivata grazie al crowdfunding lanciata dai familiari, amici e giocatori di Sala.

Ti potrebbe interessare
Sport / Tokyo 2020: gli atleti italiani in gara alle Olimpiadi
Sport / Scherma alle Olimpiadi di Tokyo 2021: calendario fioretto, spada e sciabola
Sport / Tokyo 2020: le gare in programma oggi e domani, gli orari
Ti potrebbe interessare
Sport / Tokyo 2020: gli atleti italiani in gara alle Olimpiadi
Sport / Scherma alle Olimpiadi di Tokyo 2021: calendario fioretto, spada e sciabola
Sport / Tokyo 2020: le gare in programma oggi e domani, gli orari
Calcio / “Chiellinigkeit”: in Germania hanno coniato una nuova parola dedicata a Chiellini
Sport / Alle Olimpiadi di Tokyo debuttano 5 nuovi sport
Sport / Tokyo 2020: il calendario completo delle Olimpiadi
Sport / Tokyo 2020 streaming e diretta tv: dove vedere le Olimpiadi
Sport / Tokyo 2020, Ciclismo su strada: Tadej contro il mondo
Sport / Qual è fuso orario Italia-Giappone: a che ora sono le gare a Tokyo 2020?
Sport / Judo: sorteggiato con un atleta israeliano, algerino si ritira per solidarietà con i palestinesi