Tifoso critica la lotta al razzismo, il Pescara lo “cancella”

Di Alice Possidente
Pubblicato il 15 Ott. 2019 alle 21:35
0
Immagine di copertina

Razzismo? Il Pescara calcio ha le idee ben chiare a riguardo. E “cancella” un tifoso che insulta la politica della società di lotta al razzismo.

Il 15 ottobre l’utente in questione ha scritto: “Basta con questa storia del razzismo vi ho sempre sostenuto ma direi che è ora di finirla voi e quei comunisti del caxxo, state per perdere un tifoso fate voi”.

La replica del Pescara calcio, che nella stagione 2019/20 milita in serie B, non si è fatta attendere e dopo pochi minuti l’account ufficiale del club ha riposto “Facciamo noi? Bene, signore e signori #Andrea non è più un nostro tifoso #NoAlRazzismo #NoToRacism” ha scritto in un tweet in risposta, fissandolo addirittura in evidenza.

Il Pescara calcio in pochi minuti ha ricevuto moltissimi Tweet che elogiano l’operato della società.

Tra questi, anche il tweet di Gabriele Gavina, presidente della FIGC, che ha scritto “Questa è la strada!!! Il calcio non può accettare razzismo e discriminazioni”.

Molti sostenitori di altre squadre si sono schierati con la società adriatica e tanti supporter hanno espresso la loro vicinanza al Pescara.

“Nel caso io sono tifoso del Napoli, ma da oggi avete conquistato un simpatizzante in più”, scrive un tifoso partenopeo.

“Adesso, pur rimanendo tifoso Viola, comincerò a seguire anche il Pescara. Grandi, dovrebbero farlo tutte le società sportive e non solo”, commenta un altro.

L’utente incriminato sul suo profilo retwitta il messaggio e commenta: “Buffoni pdioti”, in molti però hanno commentato anche sul suo profilo personale, criticando il suo comportamento.

Il Pescara calcio non è la sola società che ha dichiarato lotta al razzismo. Quest’anno anche la Roma aveva daspato a vita un tifoso che aveva rivolto insulti razzisti a Juan Jesus sui social. La società su Twitter scriveva: “Il gestore di questo account Instagram ha inviato insulti razzisti disgustosi a Juan Jesus, attraverso un messaggio diretto. Abbiamo segnalato l’account alla Polizia e a Instagram. La persona responsabile sarà daspata a vita dalle partite dell’AS Roma”.

Uefa, il presidente Ceferin: “Guerra al razzismo, ma anche i governi devono fare di più”

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.