Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:30
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Sport

Mourinho contro i colleghi: “A Guardiola comprano chi vuole, Klopp non vince nulla ed è sempre lì…”

Immagine di copertina

MOURINHO CONTRO GUARDIOLAJosé Mourinho, si sa, non ha peli sulla lingua. Non usa mezze misure quando c’è da lanciare frecciate, chiunque sia il destinatario: un suo calciatore, un dirigente, una tifoseria avversaria, la stampa. Con la sua ultima roboante uscita lo Special One ha preso di mira due illustri colleghi come Pep Guardiola e Jurgen Kloop, tecnici di Manchester City e Liverpool, secondo l’allenatore ex Inter due privilegiati. “A Pep comprano chi vuole lui, Klopp non vince nulla ed è ancora lì…”, ha detto Mou in tv.

Mourinho contro Guardiola e Klopp

Mourinho ha espresso il suo parere pungente nel corso di un programma della televisione portoghese, beIN Sports, in onda durante la partita di semifinale di Champions League tra Barcellona e Liverpool, vinta dai catalani per 3 a 0. “La mia filosofia – ha detto l’allenatore nella veste di opinionista – dipende dalla situazione. Per esempio, vorrei andare in un club ed essere nelle condizioni di fare quello che Jurgen e Pep hanno potuto fare”.

Mou, che a dicembre si è separato dal Manchester United dopo risultati negativi, ha messo in evidenza come siano state soddisfatte le richieste dei tecnici durante le sessioni di mercato. “Guardate la squadra con cui il Liverpool ha iniziato la partita di stasera, quanti di quei giocatori erano già ad Anfield quando è arrivato Klopp? E quando Pep non era contento dei quattro terzini che aveva al Manchester City, nella stessa estate ha comprato quattro terzini che gli piacevano di più. Per non parlare di quando ha comprato Claudio Bravo, poi Bravo non gli piaceva più e la stagione successiva ha comprato Ederson”.

Quindi è arrivata la stilettata ai colleghi : “Jurgen è a Liverpool da tre anni e mezzo e non ha vinto assolutamente nulla, ma ha ancora la fiducia e il supporto, che creano le condizioni di continuare a provare a vincere. In questa stagione potrebbero riuscirci, ma sarebbe la prima volta che ce la fanno”.

Certamente Guardiola i Klopp hanno trovato un forte supporto da parte delle rispettive società sul fronte della campagna acquisti, a differenza di Mourinho, insoddisfatto delle operazioni in entrata del suo ultimo club. “Per il mio prossimo lavoro – ha detto ancora lo Special One in tv – non comincerò neanche a parlare con un club se prima non mi viene spiegato cosa vuole il club da me, quali obiettivi si pone e cosa può mettere a disposizione in termini di strutture”.

Ti potrebbe interessare
Calcio / Qatar 2022: tutto sul primo mondiale invernale di calcio
Calcio / Inter, da campione d’inverno a campione d’Italia il passo è così breve?
Calcio / Mondiali Qatar, gli organizzatori: “Omosessuali benvenuti, ma niente baci in pubblico”
Ti potrebbe interessare
Calcio / Qatar 2022: tutto sul primo mondiale invernale di calcio
Calcio / Inter, da campione d’inverno a campione d’Italia il passo è così breve?
Calcio / Mondiali Qatar, gli organizzatori: “Omosessuali benvenuti, ma niente baci in pubblico”
Calcio / Mondiali 2022, arrestati due giornalisti norvegesi in Qatar: indagavano sulle condizioni dei lavoratori
Calcio / Tutte le peggiori sconfitte della Roma nella storia
Calcio / Lionel Messi non rinnova col Barcellona: il comunicato del club
Calcio / Insigne conquista l’Europa: è il suo saluto al Napoli?
Calcio / Lo sport più popolare al mondo è un pesce fuor d’acqua alle Olimpiadi
Calcio / “Chiellinigkeit”: in Germania hanno coniato una nuova parola dedicata a Chiellini
Calcio / "Sapete cosa fare": il discorso di Mancini agli azzurri prima della finale con l'Inghilterra