Me

“Fine Campionato, il calcio di una volta” in mostra a Roma

Un viaggio nel mondo del calcio attraverso la selezione di foto inedite dall’Archivio Farabola e l’esposizione dei calciatori in ceramica dell’artista milanese Stefano Puzzo

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 18 Giu. 2019 alle 14:16 Aggiornato il 18 Giu. 2019 alle 15:37
Immagine di copertina

“Fine Campionato, il calcio di una volta” in mostra a Roma –  Un viaggio nel mondo del calcio attraverso la selezione di foto inedite dall’Archivio Farabola e l’esposizione dei calciatori in ceramica dell’artista milanese Stefano Puzzo. Il 19 giugno alle ore 18, la Galleria Il Sole inaugura la mostra FINE CAMPIONATO, una selezione di fotografie sul calcio di una volta e i suoi leggendari protagonisti, da Vincenzo Pozzo a Dino Zoff.

Lo sguardo è quello di Tullio Farabola e della sua agenzia, con la quale per buona parte del Novecento il fotoreporter documentò la vita e le passioni degli italiani, tra cui il calcio: la gioia per la vittoria del Mondiale nel 1934, i ritratti dei grandi campioni come Omar Sivori, Sandro Mazzola, Gianni Rivera, ma anche le maglie di stoffa comune, i campi pieni di fango, gli stadi che oggi non ci sono più.

Sedici fotografie in bianco e nero raccontano lo sport e l’Italia dagli anni Trenta agli anni Sessanta riportando alla memoria l’immagine di un paese che non c’è più. Tullio Farabola (1920-1983) è stato uno dei primi e più noti fotoreporter italiani.

La sua agenzia, fondata a Milano nel primo dopoguerra, è diventata presto una delle più importanti agenzie fotogiornalistiche italiane, e oggi conserva nei suoi archivi milioni di negativi. In mostra anche le ceramiche dell’artista milanese Stefano Puzzo, ispirate ai leggendari omini del Subbuteo. Ogni giocatore è un pezzo unico realizzato ad hoc in base all’estro e alla fantasia dell’artista.