Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:18
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Sport

Coronavirus, la Nba si ferma: sospeso il campionato. Positivo Gobert di Utah

Immagine di copertina

Coronavirus, sospeso il campionato Nba

Il Coronavirus ferma la Nba. La notizia è arrivata nella notte italiana, intorno alle ore 2,30. La partita Oklahoma City-Utah è stata ufficialmente rinviata da poco quando vengono confermate le voci che si rincorrono già da qualche ora: il giocatore degli Utah Jazz, Rudy Gobert è positivo al Covid-19. Poco dopo ecco il comunicato della Nba che ferma la stagione 2019-20.

Il titolo dice tutto: “L’NBA sospende la stagione dopo le partite della notte”. Il testo: “L’NBA annuncia che un giocatore degli Utah Jazz è risultato positivo in modo preliminare al COVID-19. Il risultato del test è stato rivelato poco prima della palla a due tra Oklahoma City e Utah Jazz, alla Chesapeake Arena. A quel punto, la gara è stata cancellata. Il giocatore affetto dalla patologia non era nell’Arena. L’NBA sospende la stagione a conclusione delle partite della notte in calendario sino ad ulteriore aggiornamento. L’NBA utilizzerà questa pausa per valutare i prossimi passi da intraprendere in relazione alla pandemia Coronavirus”.

L’ipotesi porte chiuse

L’Nba stava per comunicare le porte chiuse per tutti, per un paio di settimane, dopo che la municipalità di San Francisco aveva messo spalle al muro i Warriors vietando per legge aggregazioni da oltre 1.000 persone in chiave prevenzione contro la diffusione del contagio da Coronavirus. Poi la positività di Gobert e il cambio di rotta inevitabile.

Le date della stagione Nba

La stagione regolare si sarebbe chiusa il 15 aprile, riducendo da 30 a 16 le squadre ancora in corsa. Il via della post season era programmato per il 18 aprile, quello delle Finals Nba per il 4 giugno. Considerando che il Draft è in programma il 25 giugno e la free agency dal 1 luglio, non c’è grande margine per “allungare e spalmare” il calendario. Cosa succederà ora? Difficile, se non impossibile, dare una risposta certa. Tutto dipenderà da come evolverà la situazione nelle prossime ore/giorni.

Ti potrebbe interessare
Sport / Juventus Udinese streaming e diretta tv: dove vedere la partita di Serie A
Sport / Australia, cancellato nuovamente il visto a Novak Djokovic: “Motivi di salute e buon ordine”
Sport / Milan Genoa streaming e diretta tv: dove vedere la partita di Coppa Italia
Ti potrebbe interessare
Sport / Juventus Udinese streaming e diretta tv: dove vedere la partita di Serie A
Sport / Australia, cancellato nuovamente il visto a Novak Djokovic: “Motivi di salute e buon ordine”
Sport / Milan Genoa streaming e diretta tv: dove vedere la partita di Coppa Italia
Sport / Inter Juventus streaming e diretta tv: dove vedere la Supercoppa Italiana
Sport / A che ora inizia Inter Juventus: l’orario della partita di Supercoppa italiana
Calcio / Qatar 2022: tutto sul primo mondiale invernale di calcio
Sport / Djokovic rompe il silenzio: “Grato al giudice, sono qui per giocare. Grazie, mi avete dato la forza”
Sport / Djokovic e il giallo dell’arresto a Melbourne: il governo smentisce ma vuole ancora espellerlo
Sport / Djokovic vince il ricorso, potrà giocare gli Australian Open: "Voglio restare e vincere"
Sport / Inter Lazio streaming e diretta tv: dove vedere la partita di Serie A