Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 18:04
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Sport » Calcio

Euro 2020, la prima volta dei Gufi reali

Immagine di copertina
L'attaccande finlandese Teemu Pukki esulta con i compagni di squadra dopo un gual. Credit: EPA/Sergey Dolzhenko

Mai una qualificazione ai mondiali, mai agli europei: l’allargamento del torneo continentale a 24 squadre ha sicuramente dato maggiori possibilità a squadre che fino ad oggi erano rimaste ai margini delle grandi competizioni, e la Finlandia, che proprio l’Italia ha affrontato nel suo girone delle qualificazioni, ha colto la palla al balzo ed è riuscita in questa storica prima volta.

E pensare che gli esordi di questa nazionale furono più che dignitosi, seppur con un finale che secondo gli aneddoti potremmo definire tra l’ilare e il beffardo. Era il 1912, si giocavano le Olimpiadi di Stoccolma e il Granducato di Finlandia, all’epoca un territorio autonomo all’interno dell’Impero Russo, esordì battendo per 3-2 l’Italia, superò i quarti battendo la Russia ma dovette arrendersi in semifinale al Regno Unito. Un ottimo risultato per la squadra, c’è ragione di festeggiare in vista della finale per il terzo e quarto posto. Tuttavia, tradizione vuole che i giocatori pensavano che questa partita si sarebbe dovuta giocare un giorno dopo rispetto alla data effettiva, e scesi in campo dopo una notte brava, non furono in grado di affrontare al massimo della forma gli avversari olandesi. Vinsero gli orange 9-0, forse questa storia qualche fondamento lo ha.

Ma per chi segue il calcio da tempi più recenti, Finlandia è sinonimo prima di tutti di Jari Litmanen. Il centrocampista è ritenuto il più forte finlandese di tutti i tempi, e con la maglia della nazionale ha raggiunto il record di presenze e di reti. Ma non solo. Con la maglia dell’Ajax Litmanen ha vinto la Champions League e la Coppa Intercontinentale, e dopo una lunga permanenza in Olanda ha avuto modo di giocare anche nel Barcellona e nel Liverpool, con cui ha vinto la Coppa UEFA.

Un giocatore simbolo di un Paese, senza dubbio, ma che al suo fianco ha avuto altri giocatori che hanno toccato i vertici del calcio europeo: il portiere Antte Niemi, il difensore Sami Hyypia, vincitore della Champions col Liverpool, ma anche Mikael Forssel e Teemu Tainio. Un ensemble di talenti che per una nazionale che non era mai decollata sembrava qualcosa di irripetibile, e invece la pagina principale della storia degli Huuhkajat doveva ancora essere scritta.

Huuhkajat, i gufi reali. Questo è il nome con cui viene chiamata la nazionale di calcio finlandese, nato dopo un curioso episodio verificatosi nel 2007, in una partita casalinga contro il Belgio: un gufo reale decise di planare sul campo dello Stadio Olimpico di Helsinki e di piazzarsi sopra la traversa, costringendo l’arbitro a interrompere il match per sei minuti. Fu così che i ragazzi della nazionale furono ribattezzati i “gufi”.

E così, nello sport in cui questo animale è tradizionalmente associato a chi auspica la sconfitta di una squadra, i gufi finlandesi hanno saputo, poco più di dieci anni dopo questo curioso episodio, raggiungere uno storico traguardo, anche senza più Litmanen. Oggi, al suo posto, ci sono l’attaccante Teemu Pukki, il difensore Joona Tovio, il portiere Lukas Hradecky, il capitano Tim Sparv. Ma soprattutto mister Markku Kanerva, che prima come allenatore dell’under-21, poi come allenatore in seconda e ora come titolare della panchina è nel giro della nazionale dal 2004. Questo, dopo che aveva intrapreso la carriera da maestro elementare appena conclusa quella di calciatore.

In attesa di vedere cosa sarà in grado di fare Kanerva in questo europeo, è già il favorito per un curioso premio, il Markku of the year. Il suo nome di battesimo è infatti così diffuso in Finlandia che esiste una Finnish Markku Union che assegna ogni anno un premio alla persona con questo nome che si è maggiormente distinta: Kanerva l’ha già vinto nel 2009, ma la partecipazione all’europeo lo rende il favorito per quest’anno. In attesa di vedere cosa arriverà dal campo.

Leggi anche: “Mamma li turchi!”, secoli di storia dietro Turchia-Italia

Ti potrebbe interessare
Calcio / Insigne conquista l’Europa: è il suo saluto al Napoli?
Calcio / Lo sport più popolare al mondo è un pesce fuor d’acqua alle Olimpiadi
Calcio / “Chiellinigkeit”: in Germania hanno coniato una nuova parola dedicata a Chiellini
Ti potrebbe interessare
Calcio / Insigne conquista l’Europa: è il suo saluto al Napoli?
Calcio / Lo sport più popolare al mondo è un pesce fuor d’acqua alle Olimpiadi
Calcio / “Chiellinigkeit”: in Germania hanno coniato una nuova parola dedicata a Chiellini
Calcio / "Sapete cosa fare": il discorso di Mancini agli azzurri prima della finale con l'Inghilterra
Calcio / Il giornale scozzese The National regala abbonamenti a vita a Mancini e a tutti gli Azzurri
Calcio / “Io italiano vi racconto l’inferno di Wembley: 10mila persone entrate senza biglietto”
Calcio / Europei, beffa per il telecronista Rai in isolamento: “Costretto a vedere la finale sulla Bbc”
Calcio / Gli inglesi rifiutano la medaglia e dimostrano che il fair play vale solo quando vincono loro (di F. Pagano)
Calcio / Ursula Von der Leyen e Charles Michel: "Tiferemo per gli Azzurri nella finale tra Italia e Inghilterra"
Calcio / Qui Radio Coni: l'Italia teme la beffa in finale dopo il "rigorino" inventato contro la Danimarca