Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:29
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Spettacoli » TV

Guerra in Ucraina, Orsini: “Inviare altre armi? L’Italia è completamente asservita agli Stati Uniti”

Immagine di copertina

Come al solito non le manda a dire Alessandro Orsini, ospite ieri sera di ‘Accordi&Disaccordi’, il talk politico condotto da Luca Sommi e Andrea Scanzi in onda sul Nove. Il professore della Luiss, finito nei giorni scorsi al centro di numerose polemiche per un suo contratto, poi revocato, dalla Rai come ospite del programma Cartabianca, ha attaccato il governo Draghi. “Rispetto alla guerra in Ucraina l’Italia è completamente asservita agli Stati Uniti. E francamente non riesco a capire come possiamo uscire da questa situazione, visto che nel nostro Parlamento non esiste un solo partito di opposizione: ci sono soltanto partiti bellicisti. Per quanto tempo ancora il governo Draghi vuole manipolare l’opinione pubblica?”, ha detto Orsini.

“L’articolo 51 della Carta delle Nazioni unite contempla la legittima difesa di uno Stato con l’assistenza di Stati terzi – ha chiesto Sommi – Posizione legittima, quindi, quella dell’Ucraina quando ci chiede aiuti militari?”. “Il diritto internazionale, da che mondo è mondo, non conta nulla quando scoppia una guerra – ha premesso Orsini – . Quando scoppia una guerra conta soltanto la legge del più forte. Questo noi lo vediamo tutti i giorni davanti ai nostri occhi, quindi davvero non riesco a comprendere che cosa ci possiamo fare noi con la carta straccia rappresentata dal diritto internazionale”.

Orsini ha poi aggiunto: “Il governo Draghi sta discutendo di inviare nuove armi, sempre più pesanti, all’Ucraina. Che cosa vuole fare il nostro presidente del Consiglio? Vuole continuare a nascondersi dietro un dito? Dietro l’Unione europea? Il governo Draghi vuole continuare a manipolare l’opinione pubblica dicendo che è costretto a inviare le armi in Ucraina perché lo fa l’Unione europea, quando ci sono paesi che invece non danno armi? Quando non esiste nessun trattato internazionale che imponga all’Italia di dare armi all’Ucraina e di non fare nessuna iniziativa di pace, nessun trattato internazionale che ci leghi all’Unione europea in questo senso? Cioè per quanto tempo ancora il governo Draghi vuole manipolare, vuole obnubilare, vuole offuscare la realtà? Quanto tempo dovrà durare questo comportamento riprovevole?”.

Leggi anche: Orsini a Cartabianca: “Mio nonno durante il fascismo ha avuto una vita felice”

Ti potrebbe interessare
TV / Giustizia per tutti, prossima puntata: cosa succederà mercoledì prossimo?
TV / Le Iene Show 2022: anticipazioni, servizi e scherzi di oggi, 18 maggio
TV / Controcorrente, le anticipazioni e gli ospiti della puntata del 18 maggio 2022
Ti potrebbe interessare
TV / Giustizia per tutti, prossima puntata: cosa succederà mercoledì prossimo?
TV / Le Iene Show 2022: anticipazioni, servizi e scherzi di oggi, 18 maggio
TV / Controcorrente, le anticipazioni e gli ospiti della puntata del 18 maggio 2022
TV / Maurizio Costanzo Show, anticipazioni e ospiti puntata del 18 maggio 2022
TV / Le Iene 2022 streaming e diretta tv: dove vedere lo show
TV / The Good Doctor 5: le anticipazioni (trama e cast) oggi, 18 maggio 2022
TV / Chi l’ha visto?, le anticipazioni della puntata del 18 maggio 2022 su Rai 3
TV / Si vive una volta sola: il film di Carlo Verdone in onda su Sky Cinema
TV / Giustizia per tutti: il cast della serie tv con Raoul Bova
TV / Giustizia per tutti streaming e diretta tv: dove vedere la fiction