Covid ultime 24h
casi +20.499
deceduti +253
tamponi +325.404
terapie intensive +26

Furiosa lite fra Asia Argento e Pietro Senaldi: “Faccia di… Ti metto il tacco in bocca” | VIDEO

Di Marco Nepi
Pubblicato il 15 Feb. 2021 alle 11:53 Aggiornato il 15 Feb. 2021 alle 18:35
641


“Devi stare zitto, hai rotto le palle a tutte le donne. Ti metto il tacco in bocca, come in un film di Dario Argento. Sei un uomo violento, hai un’anima sporca”. Furiosa lite in diretta tv fra l’attrice Asia Argento e il giornalista Pietro Senaldi, durante l’ultima puntata di Non è l’Arena, il programma condotto da Massimo Giletti su La7.

In studio si parlava del caso Genovese. Asia Argento era ospite nelle vesti di promotrice del movimento MeeToo.(ricorderete la vicenda degli stupri di Harvey Weinstein negli ambienti di Hollywood).  Secondo Senaldi, direttore del quotidiano Libero, le vittime di Genovese non erano del tutto inconsapevoli del rischio che andavano correndo, accettando di restare sole in camera da letto con lui.

“Non ti stuprano per 20 ore di fila”, ha osservato il giornalista. “Ma fosse anche mezz’ora! Stiamo a contare le ore? Che discorsi fai? Sei una persona di una pochezza…”, ha replica Asia Argento.

A quel punto, Senaldi ha ricordato il rapporto fra l’attrice e “il grande intellettuale Weinstein, con il quale parlavi di Victor Hugo”. “Peccato che dopo 20 minuti ti ha stuprata. Frequenta gente più banale, che magari non ti stupra”, attacca Senaldi.

“Sì, lo stupro mi ha arricchito”, replica sarcastica Argento. Senaldi: “Anche tu sei innamorata di Weinstein, visto che l’hai frequentato per 20 anni dopo che ti ha stuprato?”. Argento. “Stai zitto con quella faccia di…”. Senaldi: “Sei una donna violenta”.

A quel punto al lite degenera, con l’attrice che sbotta contro il giornalista: “Devi stare zitto, hai rotto le palle a tutte le donne. Ti metto il tacco in bocca, come in un film di Dario Argento. Sei un uomo violento, hai un’anima sporca”.

Leggi anche: Meloni, quel glitter anni ’80 e lo strano concetto di sessismo dei Fratelli d’Italia (di Selvaggia Lucarelli)

641
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.