Me

È caduto il governo in Tunisia

Il parlamento tunisino ha approvato la mozione di sfiducia verso il premier Habib Essid, fortemente criticato per non aver saputo fare fronte alla crisi economica

Di TPI
Pubblicato il 31 Lug. 2016 alle 11:15 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 17:07
Immagine di copertina

Il 30 luglio il parlamento tunisino ha votato a maggioranza la sfiducia verso il primo ministro Habib Essid, portando così alla caduta del governo. In tutto 188 parlamentari hanno votato contro l’esecutivo.

Essid, al governo da meno di due anni, ha ricevuto numerose critiche da parte dei suoi oppositori per non essere stato in grado di portare avanti le riforme in campo economico che erano nel programma di governo.

Nel giugno 2016 il presidente tunisino Beji Caid Essebsi aveva proposto un governo di unità nazionale per superare i problemi in materia economica che stanno colpendo il paese in questo periodo.

Oggi in Tunisia la disoccupazione ha toccato il tasso più dalla rivoluzione del 2011 che portò alla caduta del presidente Zine al-Abidine Ben Ali. Una disoccupazione molto diffusa soprattutto tra i giovani, dal momento che uno su tre, nel paese, non ha lavoro.

La Tunisia è stato il primo paese a far cadere il proprio governo nel 2011 nel corso dell’ondata di proteste nota come Primavera araba, nonché l’unico dei paesi ad avervi partecipato che oggi ha una democrazia parlamentare funzionante.