Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Scienza

L’8 e 9 novembre a Roma la nuova edizione del World Usability Day

Immagine di copertina

Ogni anno la tecnologia fa passi avanti, permettendoci di fare cose che fino a pochi anni fa mai avremmo pensato. Ma questa tecnologia è accessibile a tutti? I suoi progressi sono effettivamente fruibili da tutti? È questo il tema al centro del World Usability Day, la giornata mondiale dell’usabilità, che dal 2005 pone questi temi al centro dell’attenzione e che a Roma è arrivata alla sua quarta edizione.

L’evento italiano, organizzato per il quarto anno consecutivo dall’agenzia specializzata in web design e user experience Nois3, si terrà l’8 e il 9 novembre presso Parco Leonardo, a Fiumicino.

L’evento vedrà ospiti di calibro internazionale parlare di come la tecnologia possa e debba essere messa al servizio di tutti.

Ci sarà Emmanuel Sevrin, del World Food Programme, che racconterà come la sua agenzia ONU abbia creato una tessera elettronica per fornire servizi ai rifugiati, migliorando così le loro condizioni di vita; Matteo Santi e Lorenzo Fabbri, del Team per la Trasformazione Digitale, parleranno del loro progetto Designers Italia; l’avvocato Ernesto Bellisario, che parlerà delle opportunità fornite dal Foia, la legge che permette a tutti l’accesso ai documenti e dati delle pubbliche amministrazioni; Rosanna Ardila, open innovation manager di Mozilla, racconta come la delocalizzazione dei processi di sviluppo e design possa aumentare l’inclusione.

In tutti gli interventi, il rapporto tra user experience e tecnologia come motore di inclusione sarà protagonista, proprio per mettere al centro lo spirito e la missione del World Usability Day.

“Il mondo sta cambiando, ma le società faticano a trasformarsi in comunità aperte, bilanciate e soprattutto inclusive. La tecnologia sta avanzando in parallelo a cambiamenti politici e demografici: è un momento cruciale in cui possiamo e dobbiamo contribuire a plasmare un futuro migliore, dove l’essere umano torna al centro della progettazione di sistemi e servizi inclusivi”, ha dichiarato Carlo Frinolli, CEO di Nois3 e fondatore del WUDRome -“Dobbiamo tenere presente l’unicità delle persone, i contesti e le problematiche che vivono quotidianamente, i bisogni e le necessità che hanno. Abbiamo dunque il compito di progettare per tutti, non solo per le società più evolute economicamente”.

Il World Usability Day si svolge ogni anno il secondo giovedì di novembre. Nato su iniziativa della Usability Professional Association, a Roma è organizzato da Nois3. Quest’anno, TPI sarà media partner dell’evento.

Ti potrebbe interessare
Scienza / Digital Health Forum, Annalisa Chirico: “Salute e digitale, un binomio sempre più decisivo”
Scienza / La sfida tra Italia e Olanda per svelare i segreti del cosmo
Ambiente / I piccoli scienziati crescono
Ti potrebbe interessare
Scienza / Digital Health Forum, Annalisa Chirico: “Salute e digitale, un binomio sempre più decisivo”
Scienza / La sfida tra Italia e Olanda per svelare i segreti del cosmo
Ambiente / I piccoli scienziati crescono
Scienza / Come funziona la bomba atomica e perché si parla di “bomba A” e “bomba H”
Scienza / Quali sono gli effetti a lungo termine della bomba atomica: cosa succede dopo esplosione
Scienza / Quali danni potrebbe causare la bomba atomica
Scienza / Bomba atomica, tutto quello che c’è da sapere: chi l’ha inventata e quali danni ha causato
Scienza / Che cos’è la bomba atomica: come e quando è nata
Scienza / Il cervello, prima di morire, riproduce i ricordi migliori: lo studio che lo dimostra
Cronaca / Hiv, scoperta nuova variante più aggressiva e contagiosa