Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:38
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Scienza

Il nuovo spot di Ikea che invita a orinare sul catalogo pubblicitario

Immagine di copertina

Ikea sta incoraggiando le donne che si trovano in stato interessante a orinare su un catalogo di culle al fine di ottenere uno sconto sul prezzo del prodotto

Da sempre il colosso svedese Ikea è in prima linea nelle pubblicità innovative, ma stavolta la sua ultima campagna di marketing sta facendo molto discutere.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Ikea infatti sta incoraggiando le donne che si trovano in stato interessante a orinare su un catalogo di culle al fine di ottenere uno sconto sul prezzo del prodotto.

L’annuncio, progettato dall’agenzia pubblicitaria Åkestam Holst, è stato pubblicato questa settimana su una rivista femminile cartacea.

Ai lettori viene chiesto di seguire le istruzioni e di “fare la pipì sull’area contrassegnata”.

In caso di una gravidanza in atto, dopo pochi minuti, accanto al prezzo pieno delle culle comparirà una somma scontata.

“La pipì su questo annuncio potrebbe cambiarti la vita”, afferma la campagna.

Lo spot è stato creato attraverso l’inserimento nella carta di una tecnologia simile a quella di un test di gravidanza.

È stato realizzato in collaborazione con l’azienda svedese Mercene Labs, che ha dichiarato di aver preso una striscia del test di gravidanza come punto di partenza, utilizzando la stessa tecnologia per rilevare su carta gli anticorpi che si legano all’ormone della gravidanza.

Dal laboratorio fanno sapere che “i progressi tecnici realizzati durante il lavoro per questa campagna hanno il potenziale per migliorare la diagnostica medica”.

In realtà non è la prima volta che un’azienda utilizza la pipì per vendere e pubblicizzare i propri prodotti.

Nel 2001, Animal Planet ha inserito all’interno di alcune pubblicità affisse ai lampioni dei campioni di urina per attirare i cani, che in questo modo avrebbero trascinato i padroni a ridosso dell’annuncio.

Ti potrebbe interessare
Scienza / Risposta alla lettera di Luigi Godi (Philip Morris Italia): i prodotti a tabacco riscaldato in Italia
Cronaca / Nuovo studio indica il mercato di Wuhan come probabile origine della pandemia
Scienza / Eclissi lunare oggi 19 novembre 2021: la più lunga da 580 anni
Ti potrebbe interessare
Scienza / Risposta alla lettera di Luigi Godi (Philip Morris Italia): i prodotti a tabacco riscaldato in Italia
Cronaca / Nuovo studio indica il mercato di Wuhan come probabile origine della pandemia
Scienza / Eclissi lunare oggi 19 novembre 2021: la più lunga da 580 anni
Scienza / “Uno spunto in più sulle sigarette elettroniche”: la lettera di Luigi Godi (Philip Morris Italia)
Cronaca / Il Nobel per la Chimica va al tedesco Benjamin List e al britannico David MacMillan, “ingegneri” delle molecole
Cronaca / Nobel per la fisica, Parisi dopo la vittoria: “Sul clima agire con urgenza”
Cronaca / L’italiano Giorgio Parisi ha vinto il premio Nobel per la fisica
Scienza / Chi sono David Julius e Ardem Patapoutian, premi Nobel per la Medicina
Ambiente / Coltivare la carne? E’ possibile e lo stanno già facendo
Cronaca / Il premio Nobel per la Medicina va agli americani Julius e Patapoutian per le loro scoperte sui recettori del tatto