Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:08
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Scienza

Una pandemia di influenza potrebbe causare 80 milioni di morti in 36 ore. L’allarme dei medici: “Il mondo non è pronto”

Immagine di copertina

Gli esperti concordano: "La minaccia è reale"

Una pandemia di influenza potrebbe causare 80 milioni di morti in 36 ore

Il mondo non è pronto allo scoppio di una pandemia di influenza, che potrebbe causare 80 milioni di morti in 36 ore.

La notizia shock arriva dal Global Preparedness Monitoring Board, che ha redatto un rapporto annuale, che verrà pubblicato a ottobre, ma le cui anticipazioni sono state svelate nella giornata di mercoledì 18 settembre, sui rischi per la salute.

Guidata dall’ex capo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’associazione ha interpellato diversi esperti, i quali hanno concordato che “il mondo oggi è più a rischio di pandemie”. Gli scienziati, che in passato hanno ipotizzato l’arrivo di un possibile virus, denominata Malattia X, hanno affermato che “La minaccia di una pandemia che si diffonde in tutto il mondo è reale”.

“Un agente patogeno in rapido movimento ha il potenziale per uccidere decine di milioni di persone, interrompere le economie e destabilizzare la sicurezza nazionale”.

Secondo gli esperti, un patogeno, simile all’influenza e che colpisce le vie respiratore, potrebbe uccidere tra le 50 e le 80 milioni di persone. Ed essendo il mondo sempre più interconnesso, il virus potrebbe diffondersi in tutto il mondo entro 36-50 ore.

Il virus killer potrebbe spazzare via quasi il 5 per cento dell’economia mondiale. Secondo il rapporto, nel caso di una pandemia, molti sistemi sanitari nazionali, in particolare nei paesi poveri, collasserebbero.

pandemia-influenza-potrebbe-causare-80-milioni-morti
Nel grafico vengono mostrati alcuni esempi di malattie globali

Motivo per cui si suggerisce di aumentare i fondi per la ricerca di nuove tecnologie, migliorare il coordinamento e i sistemi di comunicazione rapida e monitorare continuamente i progressi. Lo stesso monito era stato lanciato dall’Oms per bocca del direttore generale Tedros Adhanom, il quale aveva esortato i governi a rafforzare il proprio sistema sanitario nazionale per fare fronte a eventuali crisi future.

L’Oms ha anche avvertito all’inizio del 2019 che l’arrivo di un’altra pandemia letale di influenza, causata da virus aerei, è inevitabile e ha detto che il mondo dovrebbe prepararsi a questa evenienza.

L’origine dell’influenza sta negli animali che ci circondano
Ti potrebbe interessare
Scienza / Risposta alla lettera di Luigi Godi (Philip Morris Italia): i prodotti a tabacco riscaldato in Italia
Cronaca / Nuovo studio indica il mercato di Wuhan come probabile origine della pandemia
Scienza / Eclissi lunare oggi 19 novembre 2021: la più lunga da 580 anni
Ti potrebbe interessare
Scienza / Risposta alla lettera di Luigi Godi (Philip Morris Italia): i prodotti a tabacco riscaldato in Italia
Cronaca / Nuovo studio indica il mercato di Wuhan come probabile origine della pandemia
Scienza / Eclissi lunare oggi 19 novembre 2021: la più lunga da 580 anni
Scienza / “Uno spunto in più sulle sigarette elettroniche”: la lettera di Luigi Godi (Philip Morris Italia)
Cronaca / Il Nobel per la Chimica va al tedesco Benjamin List e al britannico David MacMillan, “ingegneri” delle molecole
Cronaca / Nobel per la fisica, Parisi dopo la vittoria: “Sul clima agire con urgenza”
Cronaca / L’italiano Giorgio Parisi ha vinto il premio Nobel per la fisica
Scienza / Chi sono David Julius e Ardem Patapoutian, premi Nobel per la Medicina
Ambiente / Coltivare la carne? E’ possibile e lo stanno già facendo
Cronaca / Il premio Nobel per la Medicina va agli americani Julius e Patapoutian per le loro scoperte sui recettori del tatto