Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:15
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Scienza

Olivia, il nuovo pericolo su WhatsApp che arriva dagli Usa

Immagine di copertina

Si spaccia come un contatto che ha appena cambiato numero di telefono, ma in realtà è un tentativo di truffa bello e buono, che potrebbe arrivare anche da noi

Un nuovo pericolo su WhatsApp che viene chiamato con il nickname di Olivia dato che è proprio questo il nome che viene utilizzato dai cybercriminali. La nuova minaccia che colpisce il software di messaggistica internazionale e multipiattaforma va a predare soprattutto adolescenti o, comunque, giovani utenti e sta diffondendosi in modo capillare negli Stati Uniti.

Saremo facili profeti a immaginare che potrà anche attraversare l’Oceano Atlantico arrivando anche da noi in Europa e in Italia, naturalmente tradotta e sfruttata da chi ha intenzioni malevole. Ci sono numerosi precedenti di “ispirazione” internazionale, dunque è più che preventivatile.

E visto che prevenire è meglio che curare, come afferma l’adagio, siamo pronti a descrivervi nel dettaglio come colpisce il pericolo su WhatsApp chiamato Olivia. Come anticipato, è questo il nome scelto dal presunto contatto che ci aggiunge all’improvviso.

La prima frase afferma qualcosa come “Ciao, il mio numero è cambiato, salva questo e cancella quello vecchio”. Alla più che normale domanda di chiarimento, viene risposto che chi scrive è “Olivia, non mi riconosci?”. Alla richiesta di più informazioni viene chiamata in causa una compagna di scuola o amica. Come da immagine qui sopra (fonte).

Di solito viene utilizzato un nome molto comune, per rendere il tutto ancora più credibile. Visto che è passato qualche anno, la vittima potrebbe non ricordarsi e così Olivia propone di mandare una foto per essere riconosciuta. Ma invece che un file viene inviato un link.

E indovinate un po’? Il link porta a immagini per adulti e link zeppi di malware che, una volta installati contro la volontà vanno a fare incetta di dati personali sensibili.

Come sempre, la migliore strategia è quella di diffidare da qualsiasi tipo di contatto di questo genere andando a cancellare e bloccare immediatamente questo tentativo di truffa e, meglio ancora, informando tutti gli amici a fare lo stesso, per evitare brutte sorprese. Così come per le bufale su Facebook.

Ti potrebbe interessare
Ambiente / È arrivato l’abbonamento cartaceo del settimanale di The Post Internazionale
Scienza / La nuova immagine del telescopio James Webb: ecco la galassia “Ruota di carro”
Cronaca / Covid, la pandemia è nata dal mercato di Wuhan: lo confermano due nuovi studi
Ti potrebbe interessare
Ambiente / È arrivato l’abbonamento cartaceo del settimanale di The Post Internazionale
Scienza / La nuova immagine del telescopio James Webb: ecco la galassia “Ruota di carro”
Cronaca / Covid, la pandemia è nata dal mercato di Wuhan: lo confermano due nuovi studi
Scienza / Così le nostre abitudini alimentari favoriscono la diffusione di pandemie
Scienza / Spazio, individuato un segnale da una galassia lontana: “batte come un cuore”
Scienza / Stasera la Superluna del cervo, la più grande dell'anno: quando e come vederla
Scienza / La Nasa mostra le immagini scattate dal telescopio Webb che svelano l'alba dell'universo
Scienza / Scoperto il batterio più grande del mondo: è visibile ad occhio nudo e arriva a 2 centimetri
Scienza / Trapiantato un orecchio stampato in 3D con cellule umane: è la prima volta al mondo
Scienza / Digital Health Forum, Annalisa Chirico: “Salute e digitale, un binomio sempre più decisivo”