Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Scienza

A 30 anni si inizia a odorare di vecchio: lo dice la scienza

Immagine di copertina

Odore di vecchio 30 anni – L’arrivo dei 30 anni è sempre u momento importante nella vita di ognuno di noi. Arrivano i primi capelli bianchi, per chi già non ne ha, le responsabilità iniziano a farsi sentire sempre di più e si inizia a odorare di vecchio.

Sì, proprio così. Superati i 20 anni si matura, questo è certo, ma come dimostra uno studio condotto da un ricercatore Consiglio Nazionale delle Ricerche spagnolo, José María Antón, anche il nostro odore cambia.

Secondo quanto emersa dalla ricerca, raggiunti i 30 anni il corpo inizia a emanare una particolare esalazione che è da sempre presente nel nostro organismo, ma che prima di questa età è difficilmente percepibile.

A provocare questo “odore di vecchio” è una molecola 2-nonenale, scoperta dal ricercatore Johan Lundström nel 2012, che è direttamente connessa con alle alterazioni delle fragranze del corpo, ed è necessaria in natura per individuare i partner più giovani con i quali procreare.

La ricerca ha dimostrato che una volta raggiunti i 30 anni, il corpo inizia a invecchiare e per reagire alle diminuzione della fertilità il corpo reagisce così.

“È reale e viene identificato come cattivo, ma non ha nulla a che fare con il sudore o altri fluidi corporei o la mancanza di igiene”, ha spiegato il chimico José María Antón, ricercatore da anni nel campo delle biotecnologie per il CSIC e presidente e fondatore del gruppo Prima-Derm:

“È causato dal 2-Nonelale, una molecola che si genera nella pelle quando gli acidi grassi della barriera lipidica si ossidano naturalmente”.

“Il 2-Nonenale [puro] ha un odore davvero sgradevole. Tanto che quando apriamo una capsula con quella molecola in laboratorio, ogni cosa puzza. È facile da riconoscere. Il team di laboratorio dell’azienda giapponese Shiseido è stato il primo a documentarlo nel 2001″, ha proseguito Antón.

“In una società come il Giappone, dove il profumo è spesso visto come un’invasione dello spazio comune, abbondano gli studi su come funziona l’ossidazione degli acidi grassi e su come mitigare gli odori corporei. Anche così, i giapponesi, molto rispettosi dei loro anziani, chiamano questa essenza del corpo Kareishu, l’odore dei nonni”.

Illusione ottica: le sfere sembrano colorate, ma in realtà sono tutte marroni. Ecco come vederle

Ti potrebbe interessare
Scienza / Digital Health Forum, Annalisa Chirico: “Salute e digitale, un binomio sempre più decisivo”
Scienza / La sfida tra Italia e Olanda per svelare i segreti del cosmo
Ambiente / I piccoli scienziati crescono
Ti potrebbe interessare
Scienza / Digital Health Forum, Annalisa Chirico: “Salute e digitale, un binomio sempre più decisivo”
Scienza / La sfida tra Italia e Olanda per svelare i segreti del cosmo
Ambiente / I piccoli scienziati crescono
Scienza / Come funziona la bomba atomica e perché si parla di “bomba A” e “bomba H”
Scienza / Quali sono gli effetti a lungo termine della bomba atomica: cosa succede dopo esplosione
Scienza / Quali danni potrebbe causare la bomba atomica
Scienza / Bomba atomica, tutto quello che c’è da sapere: chi l’ha inventata e quali danni ha causato
Scienza / Che cos’è la bomba atomica: come e quando è nata
Scienza / Il cervello, prima di morire, riproduce i ricordi migliori: lo studio che lo dimostra
Cronaca / Hiv, scoperta nuova variante più aggressiva e contagiosa