Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:45
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Scienza

La lettera di Elon Musk e di altri 115 esperti per bandire i robot killer

Immagine di copertina

Il fondatore di Tesla, con oltre cento informatici, ingegneri e imprenditori, ha espresso all'Onu preoccupazione per il modo in cui l'intelligenza artificiale può essere utilizzata in campo bellico

Elon Musk, amministratore delegato dell’azienda automobilistica Telsa, insieme ad altri 115 esperti di robotica e intelligenza artificiale, ha inviato una lettera alle Nazioni Unite per chiedere che le “armi autonome”, ossia i robot in grado di uccidere da soli, vengano bandite.

Il gruppo di informatici, ingegneri e imprenditori ha espresso forte preoccupazione per il modo in cui in futuro sui campi di battaglia potranno essere utilizzati droni, mitragliatori, carri armati e altre armi funzionanti grazie all’intelligenza artificiale.

“Le armi autonome letali minacciano di diventare la terza rivoluzione in ambito bellico: una volta sviluppati, permetteranno di far sì che i conflitti armati siano combattuti su una scala più grande che mai, e con tempi più rapidi di quanto gli umani possano comprendere”, si legge nella lettera. “Possono essere armi del terrore, armi che despoti e terroristi utilizzano contro popolazioni innocenti, e che potranno essere hackerate per comportarsi in modo 

“A differenza di altre potenziali manifestazioni dell’intelligenza artificiale, che rimangono ancora nel campo della fantascienza, i sistemi di armi autonome sono al centro di studi proprio in questo momento, e hanno un potenziale reale per causare danni significativi alle persone innocenti”, ha detto Ryan Gariepy, fondatore di Clearpath Robotics e primo firmatario della lettera.

Secondo Human Rights Watch sono più di una dozzina i paesi che stanno attualmente sviluppando sistemi di armi autonome, tra cui Stati Uniti, Cina, Israele, Corea del Sud, Russia e Gran Bretagna.

Elon Musk, che alla guida della Tesla sta da anni studiando sistemi di guida autonoma, è stato da sempre anche molto cauto nei confronti dei potenziali usi negativi degli studi sulla robotica, definendoli “la più grande minaccia di fronte a una civiltà”, più delle armi nucleari, e ha avvisato: “Una volta aperto questo vaso di Pandora, sarà difficile da chiudere”.

Questo il testo della lettera dei 116 esperti:

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il Nobel per la Chimica va al tedesco Benjamin List e al britannico David MacMillan, “ingegneri” delle molecole
Cronaca / Nobel per la fisica, Parisi dopo la vittoria: “Sul clima agire con urgenza”
Cronaca / L’italiano Giorgio Parisi ha vinto il premio Nobel per la fisica
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il Nobel per la Chimica va al tedesco Benjamin List e al britannico David MacMillan, “ingegneri” delle molecole
Cronaca / Nobel per la fisica, Parisi dopo la vittoria: “Sul clima agire con urgenza”
Cronaca / L’italiano Giorgio Parisi ha vinto il premio Nobel per la fisica
Scienza / Chi sono David Julius e Ardem Patapoutian, premi Nobel per la Medicina
Ambiente / Coltivare la carne? E’ possibile e lo stanno già facendo
Cronaca / Il premio Nobel per la Medicina va agli americani Julius e Patapoutian per le loro scoperte sui recettori del tatto
Scienza / Azienda americana promette di ripopolare la Siberia di mammut
Scienza / Rinoceronti volanti e orgasmi che sbloccano il naso: chi ha vinto gli Ig Nobel, i premi per gli studi più bizzarri
Scienza / I trapianti di organi crollati del 30% a causa della pandemia
Scienza / L’inquinamento atmosferico aumenta il rischio di sviluppare gravi forme di malattie mentali: lo studio