Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 08:01
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Scienza

Missione Nasa-Spacex, la Crew Dragon è rientrata sulla Terra | VIDEO

Le immagini dello spettacolare ammaraggio nel Golfo del Messico

La capsula Crew Dragon della missione Nasa SpaceX ha fatto ritorno sulla Terra. La navetta su cui si trovano i due astronauti americani Bob Behnken e Doug Hurley è atterrata stasera con un ammaraggio nel Golfo del Messico, al largo di Pensacola, in Florida, intorno alle 20,40 italiane.

La Crew Dragon, pesante 12 tonnellate, si era staccata qualche ora prima dalla Stazione spaziale internazionale (Iss) per fare il suo ritorno sulla Terra. Poi il perfetto “splashdown” ripreso dalle immagini ufficiali della Nasa.

Sono partite adesso le operazioni di recupero. La navicella appare galleggiare in mare senza sbilanciamenti, il che significa che non dovrebbero esserci lesioni che potrebbero farla affondare complicandol’operazione.

Era dal 1975, con le missioni Apollo-Soyuz, che gli astronauti non tornavano a casa con questa procedura, entrata nella Storia con la conquista della Luna. Con lo Space Shuttle, infatti, gli astronauti planavano fino alla pista di atterraggio.

I due astronauti erano decollati dal Kennedy Space Center della Nasa il 30 maggio con per la missione di esordio di Space X di Elon Musk, prima compagnia privata a inviare astronauti nello spazio: la seconda partenza è prevista per settembre.

Il progetto è fondamentale per le ambizioni di Washington di emancipare la propria corsa allo spazio dalla dipendenza dai russi, dopo essersi appoggiata per anni sulla Soyuz. “Gli astronauti hanno completato il primo ammaraggio in 45 anni. Molto contento!”. Così il presidente americano, Donald Trump, ha commentato su Twitter la notizia.

I due astronauti, dopo 64 giorni nello spazio, hanno affermato di sentirsi bene e usciranno presto dalla navicella, agganciata da uno dei vascelli di recupero. Dopo essere stati sottoposti ai primi controlli di routine, Bob Behnken e Doug Hurley verranno portati a terra, sulla costa di Pensacola, Florida, per poi tornare nella loro base di Houston.

Ci vorranno diverse settimane perché completino il recupero fisico, dopo tanto tempo trascorso nella microgravità. La navicella invece verrà riportata a Cape Canaveral, da dove era partita, per essere ispezionata. Ci vorranno almeno sei settimane di controlli prima che la Crew Dragon possa essere autorizzata per un altro lancio a settembre.

Qui sotto il video dell’ammaraggio in diretta:

Ti potrebbe interessare
Scienza / Azienda americana promette di ripopolare la Siberia di mammut
Scienza / Rinoceronti volanti e orgasmi che sbloccano il naso: chi ha vinto gli Ig Nobel, i premi per gli studi più bizzarri
Scienza / I trapianti di organi crollati del 30% a causa della pandemia
Ti potrebbe interessare
Scienza / Azienda americana promette di ripopolare la Siberia di mammut
Scienza / Rinoceronti volanti e orgasmi che sbloccano il naso: chi ha vinto gli Ig Nobel, i premi per gli studi più bizzarri
Scienza / I trapianti di organi crollati del 30% a causa della pandemia
Scienza / L’inquinamento atmosferico aumenta il rischio di sviluppare gravi forme di malattie mentali: lo studio
Scienza / La crisi climatica rende fino a 9 volte più probabili le inondazioni che hanno devastato la Germania
Esteri / Tutto quello che (non) sappiamo sulla terza dose
Scienza / Risposte alla scienza vecchia della senatrice Cattaneo (di Piero Bevilacqua)
Scienza / Studio italiano scopre come il virus attacca tutto l'organismo
Scienza / Vaccini, lo studio su Pfizer e Moderna: “Ecco per quanto tempo proteggono dal Covid”
Scienza / Come reagisce il nostro cervello a smart working e didattica a distanza: lo studio