Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:57
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Scienza

Ottocento milioni di persone perderanno il lavoro entro il 2030 a causa dei robot

Immagine di copertina
Credit: Afp

Gli studi universitari diventeranno sempre più importanti perché le categorie di lavoro più colpite dal progresso tecnologico saranno quelle che non richiedono un elevato tasso di istruzione

Più di 800 milioni di lavoratori in tutto il mondo perderanno i loro posti di lavoro entro il 2030 a causa di robot e automazione.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

A rivelarlo è un recente studio realizzato dal McKinsey Global Institute che analizza i possibili scenari in sviluppo per 800 occupazioni diverse in 46 paesi.

La rivoluzione tecnologica interesserà almeno un quinto della forza lavoro di tutto il mondo.

Un terzo dei lavoratori nei paesi più ricchi, come Germania e Stati Uniti, sarà costretto a cercare nuovi sbocchi per sostituire gli impieghi in via di estinzione. Conseguenze meno gravi, invece, per i paesi più poveri, che investono poco nello sviluppo tecnologico del lavoro.

Nei prossimi decenni chi vorrà garantirsi un’occupazione sicura nei paesi occidentali dovrà studiare il più possibile e laurearsi, considerando il fatto che la maggior parte delle occupazioni che diventeranno una prerogativa delle macchine non richiede un elevato grado di istruzione.

Le categorie più colpite saranno quelle degli operai e dei lavoratori attivi nel settore alimentare, ma anche chi lavora in ufficio come intermediario, paralegale e contabile è fortemente a rischio.

Il pericolo di perdere il lavoro diminuisce in maniera drastica le mansioni che richiedono necessariamente l’intervento umano: dottori, avvocati, insegnanti e baristi potranno continuare a dormire sonni tranquilli.

Solo negli Stati Uniti, tra i 39 e i 73 milioni di posti di lavoro spariranno entro il 2030. Secondo il report del McKinsey Global Institute, solo 20 milioni di questi nuovi disoccupati non avranno grandi difficoltà a trovare un nuovo mestiere.

Non è da escludere, però, che il nuovo e massiccio progresso tecnologico di questi anni porti benefici al mercato del lavoro, proprio come fatto dall’introduzione dei personal computer negli anni Ottanta, che hanno contribuito in maniera determinante a dar vita a un numero elevato di nuove professioni che prima non esistevano.

Ti potrebbe interessare
Scienza / Marte, rover Nasa trova molecole organiche: “Possibili tracce di vita”
Scienza / Settimana della Scienza ed European Researchers’ Night 2022: 450 eventi scientifici gratuiti
Scienza / Nasa, annullato ancora il lancio verso la Luna: il terzo tentativo sarà lunedì
Ti potrebbe interessare
Scienza / Marte, rover Nasa trova molecole organiche: “Possibili tracce di vita”
Scienza / Settimana della Scienza ed European Researchers’ Night 2022: 450 eventi scientifici gratuiti
Scienza / Nasa, annullato ancora il lancio verso la Luna: il terzo tentativo sarà lunedì
Ambiente / È arrivato l’abbonamento cartaceo del settimanale di The Post Internazionale
Scienza / La nuova immagine del telescopio James Webb: ecco la galassia “Ruota di carro”
Cronaca / Covid, la pandemia è nata dal mercato di Wuhan: lo confermano due nuovi studi
Scienza / Così le nostre abitudini alimentari favoriscono la diffusione di pandemie
Scienza / Spazio, individuato un segnale da una galassia lontana: “batte come un cuore”
Scienza / Stasera la Superluna del cervo, la più grande dell'anno: quando e come vederla
Scienza / La Nasa mostra le immagini scattate dal telescopio Webb che svelano l'alba dell'universo