Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 10:08
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Scienza

Fake news: 9 italiani su 100 non usano più Facebook per informarsi

Immagine di copertina

I dati del Censis dimostrano che gli italiani iniziano a riconoscere la scarsa affidabilità delle informazioni reperibili sui social e tornano a preferire i media tradizionali

Nove italiani su 100 hanno smesso di utilizzare la piattaforma social Facebook come mezzo di informazione.

Questo il quadro che emerge dal 15esimo Rapporto sulla Comunicazione del Censis, che dal 2001 monitora i consumi dei media attraverso l’analisi dei cambiamenti nella dieta mediatica degli italiani e i loro effetti sul paese stesso.

Dal Rapporto si evince un dato importante: Facebook, la cui scalata sembrava destinata a non fermarsi, ha registrato un’importante battuta di arresto.

Dopo anni di crescita, infatti, la famosa piattaforma social, diventata anche mezzo di informazioni di numerosi italiani, ha perso per la prima volta il 9,1 per cento nella sua crescita.

Facebook era riuscito negli anni a superare gli altri social, oltre a Google e YouTube, e gli stessi quotidiani e  settimanali cartacei. La piattaforma di Zuckerberg aveva anche registrato risultati superiori alle radio.

In Italia, 35 cittadini su 100 avevano affermato di usare Facebook come mezzo di informazione.

I nuovi dati del Censis fotografano un panorama ben diverso: la piattaforma social perde il 9,1 per cento, ma si posiziona ancora al secondo posto, dopo i telegiornali, che guadagnando invece il 4,4 per cento.

La tv all news, come SkyTg24 RaiNews e TgCom, guadagnano anche loro un paio di punti, restando comunque dopo Facebook.

A perdere punti anche i motori di ricerca, come Google (meno 7,8 per cento); YouTube (meno 5,3 per cento); Twitter (meno 3 per cento), tutte piattaforme che, come Facebook, risentono dell’aumento delle fake news e della loro diffusione difficilmente controllabile.

I dati del Censis dimostrano quindi che gli italiani stanno cambiando le loro abitudini nell’ambito dell’informazione, tornando a preferire i media tradizionali come radio, ritenuta affidabile dal 69,7 per cento delle persone, oltre a tv e giornali.

I social invece sono considerati sempre meno affidabili dagli italiani, che hanno compreso quanto l’informazione in rete possa essere facilmente manipolabile e quanto difficile sia distinguere tra notizie vere e false.

Ti potrebbe interessare
Scienza / Azienda americana promette di ripopolare la Siberia di mammut
Scienza / Rinoceronti volanti e orgasmi che sbloccano il naso: chi ha vinto gli Ig Nobel, i premi per gli studi più bizzarri
Scienza / I trapianti di organi crollati del 30% a causa della pandemia
Ti potrebbe interessare
Scienza / Azienda americana promette di ripopolare la Siberia di mammut
Scienza / Rinoceronti volanti e orgasmi che sbloccano il naso: chi ha vinto gli Ig Nobel, i premi per gli studi più bizzarri
Scienza / I trapianti di organi crollati del 30% a causa della pandemia
Scienza / L’inquinamento atmosferico aumenta il rischio di sviluppare gravi forme di malattie mentali: lo studio
Scienza / La crisi climatica rende fino a 9 volte più probabili le inondazioni che hanno devastato la Germania
Esteri / Tutto quello che (non) sappiamo sulla terza dose
Scienza / Risposte alla scienza vecchia della senatrice Cattaneo (di Piero Bevilacqua)
Scienza / Studio italiano scopre come il virus attacca tutto l'organismo
Scienza / Vaccini, lo studio su Pfizer e Moderna: “Ecco per quanto tempo proteggono dal Covid”
Scienza / Come reagisce il nostro cervello a smart working e didattica a distanza: lo studio