Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:20
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Scienza

Google ha creato una funzione che scrive le email per noi

Immagine di copertina
Credit: www.quotecatalog.com

Nel corso del Google I/O 2018, la conferenza annuale tenuta dall'azienda statunitense a San Francisco e incentrata sullo sviluppo di applicazioni web e mobili attraverso Google, è stata presentata Smart Compose

Nel corso del Google I/O 2018, la conferenza annuale tenuta dall’azienda statunitense a San Francisco e incentrata sullo sviluppo di applicazioni web e mobili attraverso Google, è stata presentata Smart Compose.

Si tratta di una nuova funzione che promette di fare risparmiare tempo e fatica nella scrittura, soprattutto delle email.

La nuova modalità di scrittura riguarda, infatti, un nuovo e metodo di autocompletamento delle frasi all’interno del servizio di posta elettronica Gmail.

Smart Compose per ora dovrebbe funzionare solo in inglese, ma è probabile che presto verrà sviluppata anche in altre lingue, tra cui l’italiano.

La funzionalità rappresenta un’evoluzione molto avanzata del sistema di completamento automatico delle frasi, già presente nella tastiera Gboard, quella creata da Google.

L’intelligenza artificiale del colosso della Mountain View, è in grado di capire il contesto dell’email che si sta scrivendo, riconoscendo il destinatario e suggerendo indirizzi oppure orari per gli appuntamenti.

Per fare un esempio, appena viene scelto il destinatario, Smart Compose suggerisce una frase informale per iniziare il messaggio, visibile in colore grigio chiaro.

Se l’utente vuole accettarlo, deve semplicemente schiacciare il tasto “tab” sulla tastiera e l’autocompletamento si occuperà di finire la frase.

Successivamente, la stessa funzione è in grado di raccomandare l’orario giusto per l’appuntamento proposto, integrandosi probabilmente con la funzione Google Calendar, e di digitare l’indirizzo del luogo dove vedersi.

Un meccanismo del genere potrebbe fare molto comodo in varie situazioni, sia per utenti privati che, soprattutto, in ufficio.

Per adesso, Smart Compose verrà attivata per gli utenti statunitensi entro la primavera del 2018, mentre per sapere se l’attivazione riguarderà anche altri mercati ed altre lingue ci sarà ancora da aspettare.

Questa gif mostra come funziona Smart Compose, la nuova funzione di scrittura di Gmail:

Leggi anche: Android P, Google pronto a lanciare il sistema operativo con l’aggiornamento più innovativo di sempre

Leggi anche: Ogni ricerca su Google genera 0,2 grammi di emissioni di CO2

Leggi anche: Google Maps, 12 funzioni estremamente utili che non tutti conoscono

Photocredit: www.quotecatalog.com

Ti potrebbe interessare
Scienza / Risposta alla lettera di Luigi Godi (Philip Morris Italia): i prodotti a tabacco riscaldato in Italia
Cronaca / Nuovo studio indica il mercato di Wuhan come probabile origine della pandemia
Scienza / Eclissi lunare oggi 19 novembre 2021: la più lunga da 580 anni
Ti potrebbe interessare
Scienza / Risposta alla lettera di Luigi Godi (Philip Morris Italia): i prodotti a tabacco riscaldato in Italia
Cronaca / Nuovo studio indica il mercato di Wuhan come probabile origine della pandemia
Scienza / Eclissi lunare oggi 19 novembre 2021: la più lunga da 580 anni
Scienza / “Uno spunto in più sulle sigarette elettroniche”: la lettera di Luigi Godi (Philip Morris Italia)
Cronaca / Il Nobel per la Chimica va al tedesco Benjamin List e al britannico David MacMillan, “ingegneri” delle molecole
Cronaca / Nobel per la fisica, Parisi dopo la vittoria: “Sul clima agire con urgenza”
Cronaca / L’italiano Giorgio Parisi ha vinto il premio Nobel per la fisica
Scienza / Chi sono David Julius e Ardem Patapoutian, premi Nobel per la Medicina
Ambiente / Coltivare la carne? E’ possibile e lo stanno già facendo
Cronaca / Il premio Nobel per la Medicina va agli americani Julius e Patapoutian per le loro scoperte sui recettori del tatto