Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:01
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Scienza

I fondatori di Instagram lasciano l’azienda dopo lo scontro con Zuckerberg

Immagine di copertina

Secondo alcune indiscrezioni la decisione è stata presa a causa delle tensioni crescenti con i dirigenti di Facebook

I co-fondatori del gigante Instagram, Kevin Systrom e Mike Krieger, hanno deciso entrambi di lasciare l’azienda Facebook.

Kevin Systrom, l’amministratore delegato, ha spiegato che la loro decisione è stata presa perché sentono il bisogno di “esplorare la nostra curiosità e creatività”.

Instagram, che è stata acquistata da Facebook nel 2012, vanta al momento più di un miliardo di utenti.

L’abbandono dell’azienda da parte dei fondatori arriva dopo le notizie di tensioni crescenti tra i due imprenditori e i dirigenti di Facebook.

Dave Lee, reporter della BBC North America, ha spiegato che la popolarità di Instagram è aumentata in un periodo in cui, al contrario, l’utilizzo di Facebook non ha visto alcun incremento.

Questa differenza nei risultati ha aumentato la pressione sul social di Zuckerberg, che per cercare di guadagnare sempre più denaro ha aggiunto nuove funzionalità che si sono rivelate troppo complicate per gli utenti, a differenza di Instagram che continua ad essere premiato per la sua semplicità.

Kevin Systrom e Mike Krieger hanno dato vita al famoso social di condivisione di foto e Stories nel 2010 e hanno continuato a lavorare sulla loro piattaforma anche dopo l’acquisizione da parte di Facebook.

“Ora siamo pronti per il nostro prossimo capitolo”, ha dichiarato Systrom in un’intervista. “Costruire cose nuove ci obbliga a fare un passo indietro, vogliamo seguire la nostra ispirazione e combinarla con ciò di cui il mondo ha bisogno, questo è ciò che intendiamo fare”.

L’amministratore delegato di Facebook, Mark Zuckerberg, ha dichiarato in un comunicato che Instagram riflette i “talenti creativi combinati” dei fondatori dell’azienda.

“Ho imparato molto lavorando con loro negli ultimi sei anni e mi sono davvero divertito”, ha detto. “Non vedo l’ora di vedere cosa costruiranno in seguito”.

Systrom e Krieger, entrambi 30enni, si sono conosciuti mentre studiavano alla Stanford University. I due hanno avuto l’idea creare l’app Instagram, originariamente lanciata solo per iPhone nel 2010, dalle vecchie immagini delle macchine Polaroid.

Instagram ha raggiunto circa 30 milioni di utenti nel 2012, l’anno in cui è stato acquistato da Facebook.

Ti potrebbe interessare
Ambiente / È arrivato l’abbonamento cartaceo del settimanale di The Post Internazionale
Scienza / La nuova immagine del telescopio James Webb: ecco la galassia “Ruota di carro”
Cronaca / Covid, la pandemia è nata dal mercato di Wuhan: lo confermano due nuovi studi
Ti potrebbe interessare
Ambiente / È arrivato l’abbonamento cartaceo del settimanale di The Post Internazionale
Scienza / La nuova immagine del telescopio James Webb: ecco la galassia “Ruota di carro”
Cronaca / Covid, la pandemia è nata dal mercato di Wuhan: lo confermano due nuovi studi
Scienza / Così le nostre abitudini alimentari favoriscono la diffusione di pandemie
Scienza / Spazio, individuato un segnale da una galassia lontana: “batte come un cuore”
Scienza / Stasera la Superluna del cervo, la più grande dell'anno: quando e come vederla
Scienza / La Nasa mostra le immagini scattate dal telescopio Webb che svelano l'alba dell'universo
Scienza / Scoperto il batterio più grande del mondo: è visibile ad occhio nudo e arriva a 2 centimetri
Scienza / Trapiantato un orecchio stampato in 3D con cellule umane: è la prima volta al mondo
Scienza / Digital Health Forum, Annalisa Chirico: “Salute e digitale, un binomio sempre più decisivo”