Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:08
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Scienza

La mappa che racchiude le 27 emozioni degli esseri umani

Immagine di copertina

Un nuovo studio sostiene che le emozioni umane siano molte di più di quante riconosciute finora dagli psicologi. Una mappa interattiva prova a rappresentarle

Negli anni Settanta alcuni studi condotti dagli psicologi e ricercatori Paul Ekman e Wallace V. Friesen, evidenziarono per la prima volta che le stesse espressioni facciali vengono prodotte spontaneamente da persone appartenenti anche a culture molto diverse, in reazione a filmati che suscitino determinate emozioni.

In particolare, Ekman e Friesen riconobbero sei diverse emozioni, che definirono “primarie” o “universali”. Queste erano felicità, paura, rabbia, disgusto, tristezza e sorpresa. Il loro esperimento, riprodotto da differenti ricercatori in tutto il mondo con metodologie diverse, generò risultati analoghi.

Studi successivi, come quello pubblicato da Robert Plutchik nel 2001, si limitarono ad aggiungere al massimo un paio di altre emozioni (il disprezzo, l’accettazione), ma grossomodo il numero delle emozioni riconoscibili dal volto umano era rimasto invariato.

Una nuova ricerca pubblicata a settembre 2017 sulla rivista scientifica statunitense Proceedings of the National Academy of Sciences sostiene invece che sia possibile identificare 27 diverse emozioni dell’essere umano e che queste siano connesse tra loro.

Lo studio è stato condotto dal professor Dacher Keltner, docente di psicologia presso la University of California di Berkeley ed esperto di scienze delle emozioni, insieme ad Alan S. Cowen, dottorando in neuroscienze.

I due autori hanno analizzato le risposte di oltre 800 uomini e donne dopo aver mostrato loro oltre 2mila video che avevano lo scopo di evocare emozioni.

I temi dei 2.185 videoclip – raccolti da varie fonti online per lo studio – includevano immagini di neonati, matrimoni e proposte di matrimonio, morti e sofferenze, ragni e serpenti, malattie fisiche, atti sessuali, disastri naturali, immagini della natura e filmati imbarazzanti.

I partecipanti sono stati divisi in tre gruppi diversi. Al primo è stato chiesto di raccontare liberamente le emozioni che provavano. Al secondo gruppo è stato chiesto di classificare ogni video in base all’intensità con cui questo ha suscitato in loro le emozioni precedentemente individuate.

L’ultimo gruppo ha valutato le proprie risposte emozionali con una scala da uno a nove, usando dicotomie come eccitazione/calma, positivo/negativo eccetera.

Nel complesso, i risultati raccolti hanno mostrato che i partecipanti hanno condiviso le stesse risposte emotive o simili in corrispondenza di ciascuno dei video, consentendo ai ricercatori di identificare 27 categorie distinte di emozioni.

I ricercatori hanno poi assegnato le risposte emotive a ciascun video in una mappa delle emozioni umane. Sulla mappa, ognuna delle 27 distinte categorie di emozioni corrisponde a una particolare lettera e a un particolare colore. Questo permette di capire come le emozioni siano connesse tra loro.

Inoltre, è possibile cliccare sui video e vedere come i partecipanti hanno risposto in percentuale.

“Abbiamo scoperto 27 dimensioni distinte, e non sei come si pensava, erano necessarie per rappresentare il modo in cui centinaia di persone hanno riferito in maniera affidabile come si sentivano in risposta a ciascun video”, ha detto il professor Keltner.

Inoltre, al contrario di quanto gli scienziati hanno ritenuto finora, ogni stato emotivo presenta infinite sfumature. “Ci sono diverse variazioni nelle emozioni tra, diciamo, timore e tranquillità, orrore e tristezza, divertimento e adorazione”, ha spiegato Keltner.

“Abbiamo cercato di far luce sulla piena gamma di emozioni che colorano il nostro mondo interiore”, ha detto Cowen. “Non abbiamo gruppi finiti di emozioni sulla mappa perché tutto è interconnesso. Le esperienze emozionali sono molto più ricche e più sfumate di quanto precedentemente pensato”.

Le emozioni individuate dagli studiosi sono: ammirazione, adorazione, apprezzamento estetico, sorpresa, ansia, timore, imbarazzo, noia, calma, confusione, desiderio, disgusto, dolore empatico, incanto, invidia, eccitazione, paura, orrore, interesse, felicità, nostalgia, amore, tristezza, soddisfazione, desiderio sessuale, empatia ed esultanza.

Qui sotto la mappa. Qui invece è possibile visualizzare la mappa creata dagli autori della ricerca in versione interattiva.

Ti potrebbe interessare
Scienza / Risposta alla lettera di Luigi Godi (Philip Morris Italia): i prodotti a tabacco riscaldato in Italia
Cronaca / Nuovo studio indica il mercato di Wuhan come probabile origine della pandemia
Scienza / Eclissi lunare oggi 19 novembre 2021: la più lunga da 580 anni
Ti potrebbe interessare
Scienza / Risposta alla lettera di Luigi Godi (Philip Morris Italia): i prodotti a tabacco riscaldato in Italia
Cronaca / Nuovo studio indica il mercato di Wuhan come probabile origine della pandemia
Scienza / Eclissi lunare oggi 19 novembre 2021: la più lunga da 580 anni
Scienza / “Uno spunto in più sulle sigarette elettroniche”: la lettera di Luigi Godi (Philip Morris Italia)
Cronaca / Il Nobel per la Chimica va al tedesco Benjamin List e al britannico David MacMillan, “ingegneri” delle molecole
Cronaca / Nobel per la fisica, Parisi dopo la vittoria: “Sul clima agire con urgenza”
Cronaca / L’italiano Giorgio Parisi ha vinto il premio Nobel per la fisica
Scienza / Chi sono David Julius e Ardem Patapoutian, premi Nobel per la Medicina
Ambiente / Coltivare la carne? E’ possibile e lo stanno già facendo
Cronaca / Il premio Nobel per la Medicina va agli americani Julius e Patapoutian per le loro scoperte sui recettori del tatto