Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:40
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Scienza

Cina, scoperto un uovo con embrione di dinosauro. Ha 70 milioni di anni

Immagine di copertina
Credit: Ansa photo

Rannicchiato nel suo uovo come se fosse un uccello, la colonna vertebrale che segue la curvatura del guscio, la testa ripiegata sotto il ventre. Si è presentato così l’embrione di dinosauro fossilizzato scoperto nel sud della Cina. È stato ribattezzato “Baby Yingliang” ed è un oviraptosauro – un gruppo il cui nome vuol dire ladri di uova – un teropode “imparentato” con gli uccelli. Ha vissuto sul pianeta Terra circa 70 milioni di anni fa.

“La maggior parte degli embrioni di dinosauro sono incompleti con gli scheletri disarticolati: siamo rimasti molto sorpresi nel vedere questo embrione perfettamente conservato nel suo uovo, in una postura simile a quella degli uccelli. È qualcosa che non si era mai stato visto finora nei dinosauri non aviani” ha detto Waisum Ma dell’Università di Birmingham.

L’embrione di Baby Yingliang si presenta di 27 centimetri dalla testa – ripiegata sotto il ventre e affiancata dalle zampe – alla coda. L’uovo è lungo 17 centimetri. Gli oviroptosauri – dal cranio simile a quello dei pappagalli – avevano diverse lunghezze una volta diventati adulti: variavano dalle dimensioni di un tacchino agli otto metri, in base alla specie a cui appartenevano.
“Sembra un piccolo uccello rannicchiato nel suo uovo, una prova in più del fatto che molte caratteristiche degli uccelli moderni si sono evolute prima nei dinosauri loro antenati” ha spiegato Steve Brusatte dell’Università di Edimburgo.

L’embrione fossilizzato è stato recuperato nella provincia di Jiangxi vicino alla città di Ganzhou e nel 2000 era stato acquisito da una compagnia chiamata Yingliang Group per poi finire in un magazzino. Il recupero è avvenuto circa dieci anni fa dallo staff dello Yingliang Stone Nature History Museum a Xiamen, dove è conservato tutt’oggi. Il fossile verrà studiato dagli esperti in modo più dettagliato. Parte del corpo è ancora ricoperto dalla roccia.

Ti potrebbe interessare
Salute / Strappato alla morte con un duplice trapianto
Scienza / Risposta alla lettera di Luigi Godi (Philip Morris Italia): i prodotti a tabacco riscaldato in Italia
Cronaca / Nuovo studio indica il mercato di Wuhan come probabile origine della pandemia
Ti potrebbe interessare
Salute / Strappato alla morte con un duplice trapianto
Scienza / Risposta alla lettera di Luigi Godi (Philip Morris Italia): i prodotti a tabacco riscaldato in Italia
Cronaca / Nuovo studio indica il mercato di Wuhan come probabile origine della pandemia
Scienza / Eclissi lunare oggi 19 novembre 2021: la più lunga da 580 anni
Scienza / “Uno spunto in più sulle sigarette elettroniche”: la lettera di Luigi Godi (Philip Morris Italia)
Cronaca / Il Nobel per la Chimica va al tedesco Benjamin List e al britannico David MacMillan, “ingegneri” delle molecole
Cronaca / Nobel per la fisica, Parisi dopo la vittoria: “Sul clima agire con urgenza”
Cronaca / L’italiano Giorgio Parisi ha vinto il premio Nobel per la fisica
Scienza / Chi sono David Julius e Ardem Patapoutian, premi Nobel per la Medicina
Ambiente / Coltivare la carne? E’ possibile e lo stanno già facendo