Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Scienza

Le dita e gli occhi di una persona morta possono sbloccare uno smartphone?

Immagine di copertina
Credit: Modern World Caricature Illustrations

La domanda non ha mai avuto una risposta certa. Secondo alcuni esperti, tutto dipende dal tipo di sistema biometrico utilizzato

Il sistema biometrico è ormai quello più utilizzato per proteggere i nostri dati personali e per sbloccare i telefonini. Dall’impronta digitale alle scansioni del viso, fino addirittura al rilevamento del sudore, è sempre più spesso il nostro corpo a funzionare da collegamento e strumento di attivazione delle varie apparecchiature tecnologiche.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Tuttavia, come testimoniano molti casi, questi metodi possono essere aggirati e sono spesso oggetto di attacchi di hacker.

Ma c’è un aspetto ancora più inquietante: in teoria, anche un cadavere o una parte amputata del corpo potrebbero sbloccare uno smartphone, anche se sulla questione specifica non esistono certezze.

Il dibattito è tornato in auge negli Stati Uniti dopo la tragica sparatoria in una chiesa del Texas, risalente al 5 novembre. In quel caso le forze dell’ordine avevano tentato di sbloccare l’iPhone del killer attraverso le sue impronte digitali. David Kelley, autore della strage, era stato infatti trovato morto all’interno della sua autovettura. Tuttavia, il ritardo nelle operazioni non rese la cosa possibile, poiché il sistema biometrico, dopo 48 ore di inattività, viene automaticamente sostituito da un codice numerico.

Sono in molti, in ogni caso, ad affermare l’impossibilità di poter sbloccare il telefono con una mano morta, nonostante il sistema biometrico di Apple si basi su un sensore che si attiva con una carica elettrica prodotta dalla pelle viva.

La domanda dunque persiste: gli smartphone sono in grado di distinguere i morti dai vivi? La risposta è fondamentale, perché se non fossero in grado di farlo, ci sarebbe un’enorme falla nella sicurezza dei nostri dispositivi, sfruttabile sia dalle agenzie di intelligence sia da criminali. Significherebbe inoltre che sarebbe opportuno ritornare al codice alfanumerico per evitare una sistematica violazione della privacy.

La rivista Mashable ha intervistato sulla questione alcuni esperti, dopo che Apple, Samsung, Google e altri colossi del digitale si sono rifiutati di rispondere alle domande poste in merito.

Secondo Daniel Edlund di Precise Biometrics, azienda che opera proprio in questo campo, tutto dipende dal sistema biometrico adottato: solo alcuni hanno una funzionalità che permette di distinguere un dito “in vita” da uno che non lo è. Utilizzando questi dispositivi, tuttavia, qualsiasi tentativo di aggiramento risulta inefficace, poiché il sistema sarà sempre in grado di riconoscere anche dita finte (ad esempio, di silicone).

Il Touch ID sembra ricadere proprio in questa categoria. Per quanto riguarda invece il riconoscimento facciale, a quanto pare i dispositivi Apple possono essere sbloccati anche se gli occhi si trovano su teste di persone morte.

La questione rimane comunque aperta e da approfondire, magari quando Apple e le altre aziende si decideranno a fare chiarezza in merito.

Ti potrebbe interessare
Scienza / Marte, rover Nasa trova molecole organiche: “Possibili tracce di vita”
Scienza / Settimana della Scienza ed European Researchers’ Night 2022: 450 eventi scientifici gratuiti
Scienza / Nasa, annullato ancora il lancio verso la Luna: il terzo tentativo sarà lunedì
Ti potrebbe interessare
Scienza / Marte, rover Nasa trova molecole organiche: “Possibili tracce di vita”
Scienza / Settimana della Scienza ed European Researchers’ Night 2022: 450 eventi scientifici gratuiti
Scienza / Nasa, annullato ancora il lancio verso la Luna: il terzo tentativo sarà lunedì
Ambiente / È arrivato l’abbonamento cartaceo del settimanale di The Post Internazionale
Scienza / La nuova immagine del telescopio James Webb: ecco la galassia “Ruota di carro”
Cronaca / Covid, la pandemia è nata dal mercato di Wuhan: lo confermano due nuovi studi
Scienza / Così le nostre abitudini alimentari favoriscono la diffusione di pandemie
Scienza / Spazio, individuato un segnale da una galassia lontana: “batte come un cuore”
Scienza / Stasera la Superluna del cervo, la più grande dell'anno: quando e come vederla
Scienza / La Nasa mostra le immagini scattate dal telescopio Webb che svelano l'alba dell'universo