Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:04
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Scienza

In futuro gli aerei voleranno senza pilota. Ve la sentireste di salire a bordo?

Immagine di copertina
La cabina di pilotaggio di un aereo

In futuro gli aerei passeggeri saranno in grado di volare autonomamente, ovvero senza la necessità di avere a bordo un pilota umano.

Uno scenario che però, stando a quanto riferiscono la maggior parte degli esperti, è ancora lontano (ma non troppo) dato che la tecnologia, l’industria e i passeggeri non sono ancora pronti per un passo così importante.

“Penso che probabilmente potrebbe accadere”, le parole di Michael Wiggins, presidente del dipartimento di scienza aeronautica presso l’Università aeronautica di Embry-Riddle in Florida.

“In questo momento, qualsiasi passo in avanti verso l’obiettivo di far volare autonomamente gli aerei deve essere fatto molto lentamente – ha precisato ai microfoni del New York Times -. Solo dopo una serie di ricerche portate a termine con risultati positivi, si potrà pensare di procedere”.

Automazioni che esistono in aviazione già da diversi anni. “I controlli di volo automatizzati risalgono agli anni ’20 e durante la seconda guerra mondiale gli aerei avevano autopiloti rudimentali”, ha proseguito il dott. Wiggins.

“L’idea era che l’automazione avrebbe sollevato i piloti da operazioni di volo e monitoraggio di routine e avrebbe permesso loro di concentrarsi su altri compiti importanti da portare a termine durante i vari voli”.

Nel corso del ventesimo secolo le caratteristiche dell’autopilota sono – ovviamente – diventate più sofisticate con i voli che sono diventati più sicuro dato che i sistemi sono stati in grado di rilevare i problemi in modo più rapido ed efficace rispetto ai piloti umani.

Gli aerei di grandi dimensioni che facevano le tratte più lunghe del mondo anni fa richiedevano tre o addirittura quattro persone in servizio contemporaneamente nella cabina di pilotaggio. Ora, grazie alle nuove tecnologie, bastano due piloti.

Insomma, prima o poi gli aerei si piloteranno da soli. Succederà il prossimo anno? No. Succederà prima di quanto pensiamo? Sì.

Tecnologia che comunque non potrà mai fare a meno del controllo remoto o meno dell’uomo. Ad esempio: in caso di guasti, chi porterebbe a terra il velivolo? La tecnologia è in grado di autoripararsi o di “inventarsi” una soluzione alternativa?

Domande che dovranno trovare risposta. Intanto, i principali produttori di aerei come Airbus e Boeing stanno spingendo sempre più avanti i confini tecnologici.

“Con il continuo miglioramento della tecnologia, l’automazione diventa più affidabile e può gestire più attività. Parallelamente, il ruolo del pilota si sta evolvendo”, ha dichiarato Airbus in una e-mail inviata al New York Times. “L’aeromobile senza pilota non è solo una questione di fattibilità tecnica, ma anche di accettabilità sociale”.

E voi? Sareste disposti a volare a bordo di un aereo senza pilota umano?

Ti potrebbe interessare
Scienza / Risposta alla lettera di Luigi Godi (Philip Morris Italia): i prodotti a tabacco riscaldato in Italia
Cronaca / Nuovo studio indica il mercato di Wuhan come probabile origine della pandemia
Scienza / Eclissi lunare oggi 19 novembre 2021: la più lunga da 580 anni
Ti potrebbe interessare
Scienza / Risposta alla lettera di Luigi Godi (Philip Morris Italia): i prodotti a tabacco riscaldato in Italia
Cronaca / Nuovo studio indica il mercato di Wuhan come probabile origine della pandemia
Scienza / Eclissi lunare oggi 19 novembre 2021: la più lunga da 580 anni
Scienza / “Uno spunto in più sulle sigarette elettroniche”: la lettera di Luigi Godi (Philip Morris Italia)
Cronaca / Il Nobel per la Chimica va al tedesco Benjamin List e al britannico David MacMillan, “ingegneri” delle molecole
Cronaca / Nobel per la fisica, Parisi dopo la vittoria: “Sul clima agire con urgenza”
Cronaca / L’italiano Giorgio Parisi ha vinto il premio Nobel per la fisica
Scienza / Chi sono David Julius e Ardem Patapoutian, premi Nobel per la Medicina
Ambiente / Coltivare la carne? E’ possibile e lo stanno già facendo
Cronaca / Il premio Nobel per la Medicina va agli americani Julius e Patapoutian per le loro scoperte sui recettori del tatto