Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:39
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Salute

Il Viagra potrebbe prevenire l’Alzheimer: lo studio

Immagine di copertina

Secondo uno studio il Viagra potrebbe prevenire l’Alzheimer

Il Viagra potrebbe prevenire l’Alzheimer: è quanto emerge da uno studio pubblicato su Nature Aging e ripreso da numerosi media internazionali.

Secondo la ricerca, infatti, la nota pillola blu, utilizzata per la disfunzione erettile e l’ipertensione polmonare, potrebbe aiutare a migliorare la salute del cervello e ridurre i livelli di proteine ​​​​tossiche: tutti fattori che provocano la forma più comune di demenza.

Lo studio, realizzato presso l’Ospedale di Cleveland, negli Stati Uniti, è stato condotto attraverso l’analisi sui dati di oltre 7 milioni di cittadini statunitensi ed è emerso che chi assumeva Viagra aveva quasi il 70% di probabilità in meno di sviluppare l’Alzheimer nei sei anni successivi.

Interpellata da La Repubblica, Federica Agosta, associato di Neurologia all’Università Vita-Salute San Raffaele e responsabile dell’unità di Neuroimaging delle malattie neurodegenerative dell’Irccs Ospedale San Raffaele, spiega come è stato condotto lo studio e perché non bisogna arrivare a conclusioni affrettate.

“I ricercatori hanno analizzato i dati sui sinistri assicurativi di oltre sette milioni di persone negli Stati Uniti e valutato il rischio di sviluppare malattia di Alzheimer in 6 anni. Tra questi soggetti hanno in particolare analizzato anche coloro che assumevano sildenafil, tendenzialmente uomini visto che il principio attivo è utilizzato soprattutto per contrastare la disfunzione erettile”.

“Nei soggetti che hanno assunto per sei anni il farmaco si è riscontrato quasi il 70% in meno di rischio di Alzheimer rispetto a chi non lo ha preso” spiega ancora l’esperta.

“Ma attenzione: il disegno dello studio – chiarisce Agosti – non può dimostrare una relazione diretta tra l’uso del farmaco e il rischio di Alzheimer. È fondamentale chiarire che i ricercatori non hanno testato l’efficacia del sildenafil nei pazienti ma solo una possibile associazione statistica tra assunzione del farmaco e rischio di malattia rispetto all’assunzione di altri farmaci”.

La ricerca, comunque, potrebbe aprire la strada a ricerche più approfondite per contrastare una malattia che colpisce centinaia di persone in tutto il mondo, di cui circa un milione solamente in Italia, e per la quale attualmente non esistono ancora trattamenti specifici.

Ti potrebbe interessare
Salute / Il kit CoronaMeltVAR Real-Time PCR di Menarini Diagnostics rileva la variante Omicron di SARS CoV-
Salute / Strappato alla morte con un duplice trapianto
Salute / Visita ortopedica a Roma, come prendersi cura del sistema muscolo-scheletrico
Ti potrebbe interessare
Salute / Il kit CoronaMeltVAR Real-Time PCR di Menarini Diagnostics rileva la variante Omicron di SARS CoV-
Salute / Strappato alla morte con un duplice trapianto
Salute / Visita ortopedica a Roma, come prendersi cura del sistema muscolo-scheletrico
Ambiente / Palma da olio: okay con una filiera sostenibile
Salute / Papa Francesco accoglie in udienza il Premio Fair Play Menarini
Salute / L’allarme di Alessandro Maggi, presidente di Assortopedia: ““Questi livelli di assistenza non tutelano le categorie più fragili”
Salute / Oltre l’ottobre rosa: le testimonianze di donne a cui il cancro al seno ha stravolto la vita
Salute / Farmacie online: ecco i prodotti più richiesti sul web
Salute / 24 milioni: gli italiani con il mal di pancia sono di gran lunga il primo partito
Salute / Gli integratori per te li suggerisce un’Intelligenza Artificiale