Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:51
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Salute

Johnson & Johnson ritira il talco per neonati: tracce di amianto

Immagine di copertina

Il lotto ritirato è stato acquistato on line da un rivenditore non identificato

Johnson & Johnson ritira il talco per neonati: tracce di amianto

La Johnson & Johnson ha avviato il primo ritiro dal mercato di un lotto del suo talco per neonati e bambini per la presenza di tracce di asbesto, un particolare tipo di amianto. La sostanza è cancerogena.

Ad accertare la presenza di impurità della sostanza sono stati i test condotti dalla Food and drug administration (Fda), l’ente governativo statunitense che si occupa della regolamentazione dei prodotti alimentari e farmaceutici.

L’azienda però ha sempre negato la contaminazione con impurità tossiche dei propri prodotti e questo, di fatto, è il primo ritiro dal mercato di un talco della J&J.

Naturalmente, non tutte le confezioni del prodotto sono a rischio. Il lotto ritirato è soltanto il #22318RB e comprende 33 mila confezioni acquistate online da un rivenditore non identificato.

L’azienda però si difende, dicendo di aver avviato una “rigorosa indagine interna e di aver deciso il ritiro del lotto in via cautelare”. La J&J ha inoltre comunicato di collaborare con l’Agenzia governativa “per determinare l’integrità dei campioni esaminati e la validità dei risultati dei test”.

I precedenti della Johnson & Johnson

Non è la prima volta che la Johnson & Johnson viene accusata di avere nei suoi prodotti sostanze cancerogene. La società farmaceutica multinazionale statunitense che produce farmaci, apparecchiature mediche e prodotti per la cura personale e l’automedicazione è al centro di migliaia di denunce e cause legali da parte di consumatori proprio a causa di tumori e altri danni alla salute attribuiti all’uso di prodotti al talco.

Nel 2018 la multinazionale americana è stata condannata a pagare un maxi risarcimento da 4,7 miliardi di risarcimento a 22 donne che avevano attribuito il loro cancro alle ovaie all’amianto presente nei loro prodotti. Anche quella volta il prodotto incriminato era il talco.

Usa, multa da 8 miliardi di dollari alla multinazionale J&J per un farmaco che ha causato danni
Ti potrebbe interessare
Salute / AXA Assicurazioni: il sistema in-house Health Claims Instant Payment vince Italy Insurance Awards 2022
Salute / Influenza australiana, è boom di casi: ecco quali sono i sintomi e le cure
Salute / Multe ai no vax over 50, Schillaci: “Riscuoterle potrebbe costare di più di quello che poi ne potrebbe derivare”
Ti potrebbe interessare
Salute / AXA Assicurazioni: il sistema in-house Health Claims Instant Payment vince Italy Insurance Awards 2022
Salute / Influenza australiana, è boom di casi: ecco quali sono i sintomi e le cure
Salute / Multe ai no vax over 50, Schillaci: “Riscuoterle potrebbe costare di più di quello che poi ne potrebbe derivare”
Salute / Infanzia bruciata: una rete “a maglie strette” per contrastare gli abusi e il disagio
Salute / Trucchi antietà: scopri la corretta skincare routine quotidiana
Salute / Quarantena per gli asintomatici, Schillaci: “Dopo 5 giorni potranno tornare a lavoro”
Salute / Tutte le differenze tra dispositivo medico e medicinale
Salute / Una donna è sopravvissuta a 12 tumori: è il primo caso al mondo
Salute / Capelli: ecco come prendersene cura
Salute / Meloni voleva reintegrare i medici no vax per problemi di organico, ma gli interessati sono meno di 2mila