Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 15:46
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Salute

Johnson & Johnson ritira il talco per neonati: tracce di amianto

Immagine di copertina

Il lotto ritirato è stato acquistato on line da un rivenditore non identificato

Johnson & Johnson ritira il talco per neonati: tracce di amianto

La Johnson & Johnson ha avviato il primo ritiro dal mercato di un lotto del suo talco per neonati e bambini per la presenza di tracce di asbesto, un particolare tipo di amianto. La sostanza è cancerogena.

Ad accertare la presenza di impurità della sostanza sono stati i test condotti dalla Food and drug administration (Fda), l’ente governativo statunitense che si occupa della regolamentazione dei prodotti alimentari e farmaceutici.

L’azienda però ha sempre negato la contaminazione con impurità tossiche dei propri prodotti e questo, di fatto, è il primo ritiro dal mercato di un talco della J&J.

Naturalmente, non tutte le confezioni del prodotto sono a rischio. Il lotto ritirato è soltanto il #22318RB e comprende 33 mila confezioni acquistate online da un rivenditore non identificato.

L’azienda però si difende, dicendo di aver avviato una “rigorosa indagine interna e di aver deciso il ritiro del lotto in via cautelare”. La J&J ha inoltre comunicato di collaborare con l’Agenzia governativa “per determinare l’integrità dei campioni esaminati e la validità dei risultati dei test”.

I precedenti della Johnson & Johnson

Non è la prima volta che la Johnson & Johnson viene accusata di avere nei suoi prodotti sostanze cancerogene. La società farmaceutica multinazionale statunitense che produce farmaci, apparecchiature mediche e prodotti per la cura personale e l’automedicazione è al centro di migliaia di denunce e cause legali da parte di consumatori proprio a causa di tumori e altri danni alla salute attribuiti all’uso di prodotti al talco.

Nel 2018 la multinazionale americana è stata condannata a pagare un maxi risarcimento da 4,7 miliardi di risarcimento a 22 donne che avevano attribuito il loro cancro alle ovaie all’amianto presente nei loro prodotti. Anche quella volta il prodotto incriminato era il talco.

Usa, multa da 8 miliardi di dollari alla multinazionale J&J per un farmaco che ha causato danni

Ti potrebbe interessare
Costume / La felicità è un’abilità, e come tale si può allenare. Ecco come
Costume / Valentina Ferragni: "Soffro di insulinoresistenza. Più grave del previsto"
Salute / Il sottile confine tra un amore infelice e la Dipendenza Affettiva
Ti potrebbe interessare
Costume / La felicità è un’abilità, e come tale si può allenare. Ecco come
Costume / Valentina Ferragni: "Soffro di insulinoresistenza. Più grave del previsto"
Salute / Il sottile confine tra un amore infelice e la Dipendenza Affettiva
Cucina / Roma eletta città più “vegan-friendly” d’Italia
Salute / Cosa sappiamo per certo (e cosa ancora non sappiamo) sul vaccino AstraZeneca
Salute / I danni collaterali del Covid: così il lockdown danneggia l’udito (anche dei giovanissimi)
Salute / Il vaccino Pfizer/BioNTech? È “nato a colazione”. In un mese era pronto
Costume / “Come Meghan Markle ha cambiato il modo in cui parliamo di suicidio”
Milano / Riforma della Sanità lombarda: così i “saggi” di Fontana si spaccano sul rapporto con i privati
Salute / Covid e disturbi dell’udito: è tempo di ascoltare chi non può sentire