Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:39
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Salute

Stop alla vendita delle sigarette al mentolo dal 20 maggio

Immagine di copertina

Perché vietare la vendita delle sigarette al mentolo

A partire da mercoledì 20 maggio non sarà più possibile vendere o acquistare sigarette al mentolo o tabacco trinciato aromatizzato. Il divieto è previsto dalla Direttiva UE 40/2014 che definiva il cosiddetto Menthol Ban e che risale a 6 anni fa.

La direttiva, recepita in Italia con il Decreto Legislativo 2016 n.6, si proponeva di cancellare la vendita di sigarette al mentolo – e prodotti simili – per dissuadere i più giovani dal fumo e prevenire quindi la possibile dipendenza. Il divieto interesserà anche la vendita delle sigarette contenenti capsule per modificarne il sapore e sarà valido in tutta l’Unione Europea.

Diversi studi hanno infatti dimostrato come gli additivi al sapore di mentolo riuscissero a mascherare la durezza del fumo invogliando – maggiormente in media rispetto alle sigarette classiche – i più giovani a fumare.

Il ban non interesserà tutti i prodotti da fumo al mentolo. Rimarranno sugli scaffali sigari, sigarette elettroniche e gli stick mentolati utili a scaldare il tabacco – tecnica alla base delle Iqos – che potranno sfoggiare le varietà speziate contrariamente a trinciati e sigarette canoniche.

Secondo quanto riportato dall Federazione Italiana Tabaccai “non è previsto il reso dei prodotti in giacenza” che dovranno essere rimossi. Una violazione del divieto prevede “sanzioni che vanno da 500 a 5.000 euro”.

Il ricorso di Philip Morris

Quando l’Unione Europea aveva tracciato le linee guida della direttiva, Philip Morris – azienda leader nel settore – aveva tentato di ricorrere in appello alla Corte di giustizia europea senza successo. In quanto, pur osservando le prove presentate da Morris sulle proprietà rilassanti del mentolo per le vie respiratorie, la Corte stabilì come il particolare aroma depotenziasse il sapore del fumo e quindi umentava l’indice di gradimento delle sigarette tra i giovanissimi.

Il Parlamento Europeo motivò la scelta fornendo diversi dati: “In media, 700.000 fumatori muoiono ogni anno e i fumatori muoiono 14 anni prima rispetto ai non fumatori”, cifra 20 volte superiore rispetto a quella legata alle emissioni di “ossido di azoto in particelle”. Inoltre Il 29% delle persone di età compresa tra 15 e 24 anni è fumatore.

LEGGI ANCHE:

1. Pensieri di un fumatore incallito ai tempi del Coronavirus 2. Anche una sola sigaretta al giorno può causare terribili effetti sulla salute

Ti potrebbe interessare
Costume / La felicità è un’abilità, e come tale si può allenare. Ecco come
Costume / Valentina Ferragni: "Soffro di insulinoresistenza. Più grave del previsto"
Salute / Il sottile confine tra un amore infelice e la Dipendenza Affettiva
Ti potrebbe interessare
Costume / La felicità è un’abilità, e come tale si può allenare. Ecco come
Costume / Valentina Ferragni: "Soffro di insulinoresistenza. Più grave del previsto"
Salute / Il sottile confine tra un amore infelice e la Dipendenza Affettiva
Cucina / Roma eletta città più “vegan-friendly” d’Italia
Salute / Cosa sappiamo per certo (e cosa ancora non sappiamo) sul vaccino AstraZeneca
Salute / I danni collaterali del Covid: così il lockdown danneggia l’udito (anche dei giovanissimi)
Salute / Il vaccino Pfizer/BioNTech? È “nato a colazione”. In un mese era pronto
Costume / “Come Meghan Markle ha cambiato il modo in cui parliamo di suicidio”
Milano / Riforma della Sanità lombarda: così i “saggi” di Fontana si spaccano sul rapporto con i privati
Salute / Covid e disturbi dell’udito: è tempo di ascoltare chi non può sentire