Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:45
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Salute

Il nuovo servizio di Google per aiutare chi soffre di depressione

Immagine di copertina

L'azienda californiana ha stretto una collaborazione con la NAMI, istituzione statunitense dedicata ai disturbi mentali, per dare supporto a chi è affetto da questa condizione

Sono molte le persone che, da quando internet è diventata uno strumento di uso quotidiano, approfittano dei motori di ricerca per cercare consigli e soluzioni sui propri problemi di salute, che siano di natura fisica o psicologica.

Se in molti casi non c’è da fidarsi delle diagnosi che si trovano online – e sarebbe sempre bene affidarsi a un medico competente –, ora Google ha istituito un servizio per offrire un aiuto da parte di professionisti autorevoli a chi soffre di depressione.

Il meccanismo è molto semplice: se si usa un dispositivo mobile e si digitano termini come “depression” o “am i depressed?” sulla barra di ricerca di Google, apparirà una scheda informativa che indirizza a un test di nove domande utilizzato dagli psicologi per capire se sono presenti sintomi associabili a questa condizione.

 

Per ora il servizio è disponibile solo da dispositivi connessi negli Stati Uniti, ma chi si trova in altre nazioni può cercare online il Questionario PHQ-9, che pur essendo solo uno strumento di base per una diagnosi da parte di uno specialista, è molto utilizzato in ambito clinico.

Secondo quanto scritto da Google sul suo blog per promuovere l’iniziativa, circa un milione di americani sperimentano un episodio di depressione clinica nel corso della loro vita, ma solo il 50 per cento cerca e riceve un trattamento per curarsi.

Proprio per questo, Google ha stretto una partnership con la NAMI, istituzione statunitense dedicata ai disturbi mentali, e far sì che la comodità di uno strumento così usato come il cellulare possa essere un’occasione per molte persone di interrogarsi più a fondo sui suoi problemi e cercare aiuto da un professionista.

Ti potrebbe interessare
Salute / Farmacie online: ecco i prodotti più richiesti sul web
Salute / 24 milioni: gli italiani con il mal di pancia sono di gran lunga il primo partito
Salute / Gli integratori per te li suggerisce un’Intelligenza Artificiale
Ti potrebbe interessare
Salute / Farmacie online: ecco i prodotti più richiesti sul web
Salute / 24 milioni: gli italiani con il mal di pancia sono di gran lunga il primo partito
Salute / Gli integratori per te li suggerisce un’Intelligenza Artificiale
Interviste / Per fare un albero, ci vuole il seme. Per la sanità calabrese, una donna
Ambiente / Coltivare la carne? E’ possibile e lo stanno già facendo
Salute / Pillola anti-Covid, Merck: “Dimezza il rischio di ospedalizzazione e morte”
Salute / Sandro Lombardi, presidente Anifa “È tempo di ricominciare a prendersi cura del proprio udito”
Salute / I cani allungano la vita ai loro compagni
Salute / Vincenzo Falabella, presidente FISH Onlus ““Le paralimpiadi insegnino alla politica che questo Paese deve diventare accessibile”
Salute / Tornano le domeniche di prevenzione di Nonno Ascoltami! nelle piazze italiane