Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:12
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Salute

Sei cose del tutto normali che possono voler dire che sei uno psicopatico (secondo la scienza)

Immagine di copertina
Una scena del film "Il silenzio degli innocenti". Credit: Ken Regan

Alcuni studi hanno rivelato caratteristiche del tutto inaspettate che sembrano relativamente comuni tra le persone affette da psicopatia

Nel 2006, mentre svolgeva uno studio sull’attività mentale dei serial killer, un neuroscienziato statunitense di nome James Fallon ha scoperto che il suo cervello lavorava come quello di uno psicopatico in piena regola. Paragonato a un encefalo normale, infatti, il suo era caratterizzato da un decremento significativo delle attività del lobo frontale, connesso all’empatia e alla morale: una caratteristica collegata proprio alla psicopatia.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Inizialmente, Fallon non ha preso seriamente questa scoperta. Solo anni più tardi ha iniziato a chiedere a famiglia e amici se lo ritenessero effettivamente uno psicopatico.

Con sua somma sorpresa, tutti gli hanno risposto di sì.

Cos’è la psicopatia 

Secondo il professor Robert Hare, che insegna psicologia alla University of British Columbia, gli psicopatici rappresentano l’1 per cento della popolazione. Al contrario delle persone affette da psicosi, che perdono il contatto con la realtà, gli psicopatici sanno esattamente cosa stanno facendo. Solo che non si preoccupano – o non comprendono – che le loro azioni possono fare del male agli altri. Non provano rimorso, empatia o senso di colpa, e sono portati a manipolare gli altri per ottenere vantaggi personali.

Questo non vuol dire, però, che tutti gli psicopatici siano destinati a diventare serial killer (anche se alcuni, effettivamente, lo sono). Quella di Fallon, e la stessa cosa vale per molti altri, è una forma sicuramente più moderata rispetto a quella di chi arriva a uccidere o fare del male alle altre persone.

Effettuando il test di Hare, utilizzato soprattutto negli Stati Uniti da psicologi e criminologi per attestare la pericolosità sociale, le tendenze antisociali e la psicopatia di chi ha commesso più crimini efferati, Fallon ha ottenuto un punteggio molto alto soltanto sui tratti associati al Fattore 1 (narcisismo aggressivo), e non su altri ben più preoccupanti, come lo scarso controllo comportamentale o la versatilità criminale.

Alcuni di questi tratti, inoltre, sono presenti nel comportamento di amministratori delegati di successo e in quello dei leader mondiali. Un recente studio condotto sui presidenti degli Stati Uniti mostra che J.F. Kennedy, F.D. Roosvelt e Bill Clinton, otterrebbero punteggi alti in questo stesso test.

Quali sono i possibili segnali

Negli anni gli esperti hanno indagato sulle origini della psicopatia, cercando degli elementi di collegamento tra i vari casi analizzati. Alcuni di questi studi, sebbene condotti su campioni relativamente piccoli e non rappresentativi a fini statistici, sono interessanti perché hanno rinvenuto alcune caratteristiche del tutto inaspettate che sembrano relativamente comuni tra le persone affette da psicopatia. Il sito Mental Floss ne ha raccolti alcuni che riportiamo di seguito.

  • Aver studiato economia

Uno studio realizzato in Danimarca nel 2017 ha analizzato i tratti della personalità correlati alla scelta della facoltà universitaria. Le interviste condotte su 487 studenti hanno evidenziato che chi ha ottenuto un livello più alto di narcisismo, macchiavellismo e psicopatia, aveva una probabilità maggiore di essere iscritto a Economia, piuttosto che, ad esempio, a Psicologia o Legge.

  • Non essere contagiati dagli sbadigli

Uno studio del 2015 condotto su 135 studenti in Texas ha rivelato che gli studenti che avevano ottenuto i punteggi più alti nel test di psicopatia non venivano contagiati dagli sbadigli tanto quanto gli altri. Questo elemento può essere forse collegato al fatto che una caratteristica degli psicopatici è la mancanza di empatia verso gli altri.

  • Essere dei nottambuli

Uno studio condotto nel 2013 in un’università australiana ha evidenziato che chi ha un orologio biologico più orientato verso la notte ha dei tratti più vicini alla psicopatia rispetto ai mattinieri. Il nostro ritmo circadiano è influenzato dalla genetica, anche se può modificarsi nel corso della vita.

  • Essere fan di Eminem

Uno studio preliminare della New York University ha evidenziato che gli psicopatici potrebbero avere dei generi musicali preferiti ben precisi. Le persone con un livello di psicopatia più alto amano “No Diggity” dei Blackstreet e “Lose Yourself” di Eminem.

  • Essere una persona creativa

Dei ricercatori filippini nel 2016 hanno rilevato che la creatività va di pari passo con la psicopatia. Alcune personalità creative, infatti, sono particolarmente disinibite dal punto di vista emotivo: un elemento comune agli psicopatici.

  • Restare amici degli ex

A settembre 2017, gli psicologi dell’Oakland University hanno scoperto che, su un campione di oltre 800 persone, quelle con maggiori tratti psicopatici tendono a mantenere gli ex partner nella loro vita per ragioni di convenienza, che possono spaziare dall’uscire ancora con loro alle richieste di soldi.

Ti potrebbe interessare
Salute / Influenza stagionale, l’andamento epidemiologico e virologico 2021
Salute / Multicomfort domestico: quanto è importante e come ottenerlo
Salute / I “killer” del collagene
Ti potrebbe interessare
Salute / Influenza stagionale, l’andamento epidemiologico e virologico 2021
Salute / Multicomfort domestico: quanto è importante e come ottenerlo
Salute / I “killer” del collagene
Salute / Assosubamed e Confindustria Dispositivi Medici contro il nuovo regolamento europeo MDR
Salute / ReWriters abbatte i confini del concetto di genere con un nuovo numero tutto dedicato alla salute
Salute / Stanchezza mentale, quali rimedi?
Costume / La felicità è un’abilità, e come tale si può allenare. Ecco come
Costume / Valentina Ferragni: "Soffro di insulinoresistenza. Più grave del previsto"
Salute / Il sottile confine tra un amore infelice e la Dipendenza Affettiva
Cucina / Roma eletta città più “vegan-friendly” d’Italia