Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:49
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Salute

Raschiamento: cosa è e quando è necessario farlo

Immagine di copertina

Raschiamento | Utero | Aborto | Gravidanza | Cosa è

RASCHIAMENTO UTERO – Una delle esperienze più segnanti che una donna può vivere è senz’altro quella del raschiamento, viene utilizzato in caso di aborto ma anche come strumento diagnostico e terapeutico.

Ma che cos’è il raschiamento? Ecco tutto quello che c’è da sapere.

Raschiamento | Cosa è

Si tratta di un procedimento chirurgico per rimuovere attraverso una curetta, una sorta di cucchiaio tagliente, una porzione di endometrio o una massa anomala presente nell’utero. Viene eseguito in caso di patologie a livello uterino. Si tratta di una pratica dolorosa, che spesso richiede un’anestesia totale.

“Mio figlio è morto perché non c’erano medici per il raschiamento”

Il raschiamento è preceduto dalla dilatazione della cervice uterina. Dobbiamo distinguere due tipi di raschiamento: quello diagnostico che prevede il prelievo di una parte di tessuto del rivestimento dell’utero, il cosiddetto endometrio. Questa tipologia si ha in caso di sanguinamento anomalo, emorragia dopo il parto vaginale, sanguinamento nel periodo successivo alla menopausa, forti dolori mestruali.

Esiste poi quello operativo quando si ha una massa anomala sporgente nella cavità uterina. Il raschiamento, inoltre, viene effettuato alle donne che vogliono interrompere una gravidanza indesiderata. È quindi una procedura per l’aborto spontaneo.

Dopo raschiamento | Cosa succede

Ma cosa succede dopo il raschiamento? L’intervento ha una durata che va dai 10 ai 20 minuti. Dopo l’intervento è importante che la paziente resti immobile. Nelle ore successive potrebbe lamentare vomito, nausea e dolori, legati all’anestesia totale.

Dopo il raschiamento è fondamentale evitare rapporti sessuali per almeno due settimane ed utilizzare assorbenti interni. In caso di sanguinamento anomalo, febbre alta, difficoltà ad urinare, crampi, debolezza e perdite vaginali è opportuno rivolgersi subito al proprio medico di fiducia.

Importante anche ricordare che può compromettere la fecondità della donna, ma solo temporaneamente. Per chi vuole avere un figlio, si consiglia di attendere almeno tre mesi dall’operazione per tentare il concepimento.

Ti potrebbe interessare
Costume / La felicità è un’abilità, e come tale si può allenare. Ecco come
Costume / Valentina Ferragni: "Soffro di insulinoresistenza. Più grave del previsto"
Salute / Il sottile confine tra un amore infelice e la Dipendenza Affettiva
Ti potrebbe interessare
Costume / La felicità è un’abilità, e come tale si può allenare. Ecco come
Costume / Valentina Ferragni: "Soffro di insulinoresistenza. Più grave del previsto"
Salute / Il sottile confine tra un amore infelice e la Dipendenza Affettiva
Cucina / Roma eletta città più “vegan-friendly” d’Italia
Salute / Cosa sappiamo per certo (e cosa ancora non sappiamo) sul vaccino AstraZeneca
Salute / I danni collaterali del Covid: così il lockdown danneggia l’udito (anche dei giovanissimi)
Salute / Il vaccino Pfizer/BioNTech? È “nato a colazione”. In un mese era pronto
Costume / “Come Meghan Markle ha cambiato il modo in cui parliamo di suicidio”
Milano / Riforma della Sanità lombarda: così i “saggi” di Fontana si spaccano sul rapporto con i privati
Salute / Covid e disturbi dell’udito: è tempo di ascoltare chi non può sentire