Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 20:16
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Salute

La rara sindrome di una ragazza con due vagine: “Vi spiego com’è il sesso in questa condizione”

Immagine di copertina
Maddie Schueller. Credit: Unilad

Maddie Schueller ha la malformazione dell'utero didelfo: grazie a un'operazione ora potrà avere un parto naturale e non ha più complicazioni nei rapporti sessuali

Una giovane donna ha parlato della rarissima condizione che ha reso la sua vita del tutto particolare fin dalla nascita: la ragazza infatti ha due vagine.

A Maddie Schueller, 22 anni, del Wisconsin (Stati Uniti), due anni fa è stata diagnosticata la malformazione dell’utero didelfo, che si stima colpisca una donna su 3mila in tutto il mondo.

La malformazione implica l’avere due uteri e due vagine.

Mentre gli uteri di Maddie sono separati, la sua vagina è divisa da un setto che, formando un muro, crea due lati del canale vaginale. Come Maddie ha spiegato al sito Unilad, ciò significa che ha due aperture, una a destra che è molto più grande e una a sinistra.

Poiché la malformazione dell’utero didelfo si verifica comunemente senza presentare sintomi o segni evidenti, spesso non viene rilevata.

La diagnosi, infatti, è arrivata solo due anni fa. Maddie ha spiegato che quando aveva 12 o 13 anni ha avuto il primo ciclo. Si è quindi accorta della presenza del setto per la difficoltà a usare i tamponi. Ha poi avuto molte cisti sulle ovaie che spesso la mandavano al pronto soccorso.

Nonostante Maddie ammetta di essere rimasta piuttosto scioccata quando le è stata data la notizia, ha anche trovato curioso il fatto non aver mai sentito parlare di questa condizione in precedenza.

Tuttavia, a causa della mancanza di ricerche che sono state fatte sulla condizione, Maddie si sentiva come se fosse stata “lasciata nell’oscurità” e si preoccupava sempre di più della possibilità di avere figli, la sua più grande preoccupazione.

Per fortuna la risposta dei medici è stata affermativa.

“Ho però contratto una condizione chiamata sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) che causa uno squilibrio nei miei ormoni e può portare a una maggiore probabilità di infertilità e aborti”, ha spiegato la ragazza a Unilad

Quando a Maddie fu diagnosticata la malformazione, la ragazza aveva una relazione seria un ragazzo che è poi diventato suo marito: entrambi erano d’accordo sul fatto di aspettare il matrimonio prima di avere un rapporto sessuale.

Anche se Maddie spiega che questo era sempre stato il piano, ora è particolarmente felice che lei e il ragazzo siano stati pazienti, a causa della sua particolare condizione.

“Ero felice di aver deciso di aspettare fino al matrimonio perché quando ci siamo sposati e abbiamo deciso di fare sesso è stato meraviglioso”, ha spiegato.

“La prima volta è stata dolorosa e ho avuto anche un po’ di sensazione di bruciore”. Il sesso all’inizio non era piacevole: per questo Maddie ha deciso di sottoporsi a un intervento chirurgico per rimuovere il setto.

Dopo l’operazione, ora Maddie ha quella che lei stessa definisce una “super vagina” (ha ancora le due cervice e due uteri).

Avere rimosso il setto significa che se Maddie rimarrà incinta, potrà avere un parto naturale e non necessariamente un cesareo.

Maddie ora parla apertamente della sua malformazione, sperando di sensibilizzare le persone su questa particolare condizione.

Ti potrebbe interessare
Salute / I cani allungano la vita ai loro compagni
Salute / Vincenzo Falabella, presidente FISH Onlus ““Le paralimpiadi insegnino alla politica che questo Paese deve diventare accessibile”
Salute / Tornano le domeniche di prevenzione di Nonno Ascoltami! nelle piazze italiane
Ti potrebbe interessare
Salute / I cani allungano la vita ai loro compagni
Salute / Vincenzo Falabella, presidente FISH Onlus ““Le paralimpiadi insegnino alla politica che questo Paese deve diventare accessibile”
Salute / Tornano le domeniche di prevenzione di Nonno Ascoltami! nelle piazze italiane
Salute / “I vaccini non generano varianti virali”, la Federazione italiana dei medici sfata la fake news
Salute / Allarme di Alessandro Berti: “Chiediamo inclusione sociale, rispetto della persona”
Salute / Scopri le grandi proprietà dell’avocado per la tua pelle
Cucina / Il caffè: un beneficio in tazza
Salute / Menzietti (ANA): “Il modello italiano di prevenzione per ipoacusici è un’eccellenza, deve restare tale”
Salute / “Ecco quali sono i benefici secondari di Pfizer e Moderna”: lo studio Usa
Salute / Il paradosso dei dispositivi medici ‘su misura’ per persone con disabilità