Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:45
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Salute

Una madre spiega quanto è difficile fare sesso dopo il parto

Immagine di copertina
Credit: hesubtlemummy

Una famosa blogger australiana, Zoe George, racconta cosa può succedere al corpo di una donna dopo la gravidanza e quanto alcune lesioni possano compromettere l'attività sessuale per mesi

Avere un bambino può essere una delle cose più belle al mondo, ma non sempre si raccontano le conseguenze che una gravidanza può avere sul corpo di una donna e sull’equilibrio di una coppia.

A sfatare il tabù per il quale parlare di determinati argomenti è inappropriato ci ha pensato Zoe George, una famosa blogger australiana che nel suo blog “The Subtle Mummyha spiegato quanto possa essere difficile per una donna riprendere l’attività sessuale dopo il parto.

Zoe, madre di tre bambini, ha rivelato che la nascita del suo primogenito aveva provocato delle lesioni all’interno della sua vagina tali da rendere i tentativi di rapporti sessuali con il marito un “vero incubo”. “È come se la mia vagina si fosse rotta”, racconta Zoe.

“Ci sono diverse difficoltà che le neo-mamme possono incontrare in camera da letto dopo il parto”, ha spiegato Zoe. “È dovuto trascorrere molto tempo prima che il pensiero di fare sesso mi sfiorasse, ero pietrificata dalla paura, perché il dolore era forte a ogni tentativo”.

Dopo aver combattuto per oltre sei mesi, Zoe ha deciso di prenotare una visita dal ginecologo che l’ha esaminata e le spiegato che il problema riguardava il tessuto cicatriziale dei punti cuciti dopo il parto: probabilmente la ferita non si era cicatrizzata bene.

“Potevo intervenire chirurgicamente o aspettare la seconda gravidanza con la speranza che i medici potessero mettermi i punti nella stessa zona con maggiore attenzione. Ho deciso di seguire questa seconda strada e mi è andata bene”, racconta la donna.

Ma Zoe scrive nel suo blog anche di un altro problema: il vaginismo. Si tratta di una condizione che provoca un riflesso involontario dei muscoli che circondano l’ingresso della vagina, e che può rendere la penetrazione dolorosa e in alcuni casi impossibile.

Può essere causato da danni alla vagina durante il parto, e rende necessaria l’interruzione, temporanea o prolungata, della vita sessuale, con conseguenti problemi di relazione.

Ma come spiega Zoe, il vaginismo può essere trattato con farmaci appropriati se c’è una causa fisica, mentre la terapia sessuale e la fisioterapia possono essere raccomandati se la causa è psicologica.

“C’è voluto del tempo e una lunga fisioterapia prima che tornassi ad essere rilassata in quelle zone”, ha concluso Zoe. 

Ambrosia needs some help with her selfie angles but still a great pic 😂 Fun at Myuna farm again today. We love this place.

Un post condiviso da Zoe G (@thesubtlemummy) in data:

Ti potrebbe interessare
Salute / L’allarme di Alessandro Maggi, presidente di Assortopedia: ““Questi livelli di assistenza non tutelano le categorie più fragili”
Salute / Oltre l’ottobre rosa: le testimonianze di donne a cui il cancro al seno ha stravolto la vita
Salute / Farmacie online: ecco i prodotti più richiesti sul web
Ti potrebbe interessare
Salute / L’allarme di Alessandro Maggi, presidente di Assortopedia: ““Questi livelli di assistenza non tutelano le categorie più fragili”
Salute / Oltre l’ottobre rosa: le testimonianze di donne a cui il cancro al seno ha stravolto la vita
Salute / Farmacie online: ecco i prodotti più richiesti sul web
Salute / 24 milioni: gli italiani con il mal di pancia sono di gran lunga il primo partito
Salute / Gli integratori per te li suggerisce un’Intelligenza Artificiale
Interviste / Per fare un albero, ci vuole il seme. Per la sanità calabrese, una donna
Ambiente / Coltivare la carne? E’ possibile e lo stanno già facendo
Salute / Pillola anti-Covid, Merck: “Dimezza il rischio di ospedalizzazione e morte”
Salute / Sandro Lombardi, presidente Anifa “È tempo di ricominciare a prendersi cura del proprio udito”
Salute / I cani allungano la vita ai loro compagni