Covid ultime 24h
casi +10.497
deceduti +603
tamponi +254.070
terapie intensive -57

“Uso il mio liquido vaginale come profumo e gli uomini cascano ai miei piedi”

Di Giovanni Macchi
Pubblicato il 23 Ago. 2019 alle 16:53 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 01:18
12
Immagine di copertina
Shan Boodram. Credit: Instagram/Shan Boodram

Liquido vaginale come profumo

A volte ci vogliono mesi, perfino anni per trovare il profumo giusto, ma Shan non si è dovuta allontanare troppo per trovarlo, perché il profumo che indossa prima di uscire di casa è il suo liquido vaginale.

Shan Boodram nella vita fa la sessuologa e si è stupita molto di vedere quanta attenzione abbia avuto il passaggio nel suo libro in cui parla del suo “profumo”.

Il libro si intitola “Il gioco del desiderio” e in questo Shan racconta anche della sua vita (sessuale e non). L’autrice del testo ha rivelato come in più occasioni abbia indossato il suo profumo “naturale” e proprio in quei casi ha fatto caso al fatto che in tanti si siano “affollati su di lei”.

Ma Shan è andata oltre e ha voluto avviare una vera e propria ricerca sul liquido vaginale come profumo e così ha chiesto a tre delle sue pazienti di vedere se le sostanze chimiche prodotte dalla vagina avrebbero anche “attratto chiunque fosse tradizionalmente attratto dalle donne con vulva” se usato come profumo.

Quello che vuole vedere Shan è se le donne con il profumo di vagina addosso attraggono più persone in un bar affollato rispetto a quando, invece, hanno un profumo “normale”. Shan ha così convinto le altre tre a recarsi in un locale e ha dato inizio all’esperimento.

Subito ha avuto successo con due persone, ma ha dato appuntamento alle altre in bagno, a metà serata. “Ho chiesto loro di lavarsi le mani, sedersi e infilare un dito nella vagina. L’obiettivo era quello di ottenere un campione del liquido delle ghiandole di Bartolini, che svolgono un ruolo importante nella lubrificazione vaginale”, ha detto Shan. L’esperta ha chiesto alle ragazze di strofinare “una buona quantità di liquido” sui polsi, alla clavicola e al collo.

Una delle donne ha detto di essersi sentita “appiccicosa”. Le altre pazienti hanno riferito che non hanno avuto un grande successo, ma hanno notato che alcuni uomini si sono avvicinati di più.

Al termine dell’esperimento, Shan è rimasta soddisfatta, nonostante le sue pazienti non abbiano avuto il successo sperato. Questo perché le tre donne alla fine della serata non hanno voluto lavar via il loro profumo derivato dal liquido vaginale. E, soprattutto, secondo Shan questo spingerebbe le donne ad agire in modo più audace e sicuro. E questo, secondo la sessuologa, renderebbe più attraenti.

Shan alla fine ha detto: “Sono certa che ogni volta che lo utilizzo, mi fa sentire una dea incantata con un profumo delizioso”. Contenta lei.

“I love my vagina”: in Italia arriva il primo shop che abbatte i tabù su mestruazioni e perineo

12
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.