Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:03
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Salute

C’è un motivo se il pene si è accorciato così tanto negli anni

Immagine di copertina
Gli scienziati rivelano che l'organo maschile è sempre più corto

Un centimetro in meno per i giovani di oggi rispetto ai loro nonni

“Ho 16 anni e frequento una palestra ma la doccia la faccio a casa. L’unica volta che mi sono confrontato con i miei compagni mi sono reso conto di avere qualcosa che non va in termini di misure. Ci sono creme o pasticche che possano ‘ingrandirlo’?”. Forum, chat ma anche i medici stessi si sentono sempre più rivolgere domande di questo genere.

I giovani di oggi sono sempre più insicuri delle dimensioni del loro pene? Sembra proprio di sì e la scienza non diffonde dati confortanti. “Le testimonianze di questo tenore sono diffusissime” – racconta il prof. Salvatore Sansalone dell’Universitù di Tor Vergata – “Ragazzi e adulti che nel confronto si ritengono inadeguati sono sempre di più. L’abbiamo chiamata ‘Sindrome da penombra’ ma era già nota come ‘Ansia da spogliatoio’”.

I ricercatori spiegano: “La perdita di un centimetro nella popolazione generale è un fenomeno da indagare per evitare che si instauri una tendenza ma anche con l’avanzare dell’età si verificano modificazioni del pene: colore della pelle, peluria bianca e più rada, minore reattività agli stimoli erogeni, maggiori deficit erettivi e anche una riduzione delle dimensioni: da 0,5 a 1 cm con un incremento proporzionale all’avanzare dell’età. Insomma il pene ‘invecchia’”.

Tra le cause che influiscono negativamente sull’organo riproduttivo maschile figurano disturbi circolatori e il diabete. “C’è poi l’aumento di peso che nell’uomo – si legge nella ricerca – Si verifica più spesso proprio a livello addominale e che si ‘deposita’ anche a livello del pube e determina una riduzione delle dimensioni utili alla penetrazione”.

Anche le malattie influiscono negativamente su questa tendenza: “La riduzione è possibile anche a seguito della chirurgia di asportazione di tumori del pene, interventi alla prostata per tumore o interventi chirurgici di correzione della curvatura peniena”.

Ti potrebbe interessare
Salute / L’allarme di Alessandro Maggi, presidente di Assortopedia: ““Questi livelli di assistenza non tutelano le categorie più fragili”
Salute / Oltre l’ottobre rosa: le testimonianze di donne a cui il cancro al seno ha stravolto la vita
Salute / Farmacie online: ecco i prodotti più richiesti sul web
Ti potrebbe interessare
Salute / L’allarme di Alessandro Maggi, presidente di Assortopedia: ““Questi livelli di assistenza non tutelano le categorie più fragili”
Salute / Oltre l’ottobre rosa: le testimonianze di donne a cui il cancro al seno ha stravolto la vita
Salute / Farmacie online: ecco i prodotti più richiesti sul web
Salute / 24 milioni: gli italiani con il mal di pancia sono di gran lunga il primo partito
Salute / Gli integratori per te li suggerisce un’Intelligenza Artificiale
Interviste / Per fare un albero, ci vuole il seme. Per la sanità calabrese, una donna
Ambiente / Coltivare la carne? E’ possibile e lo stanno già facendo
Salute / Pillola anti-Covid, Merck: “Dimezza il rischio di ospedalizzazione e morte”
Salute / Sandro Lombardi, presidente Anifa “È tempo di ricominciare a prendersi cura del proprio udito”
Salute / I cani allungano la vita ai loro compagni