Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:31
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Salute

“Ero obeso e depresso, viaggiando ho trovato la felicità”: il racconto di Terence Biffi

Immagine di copertina

“Sei anni fa ero obeso e depresso. Oggi sono un viaggiatore”. Con queste parole Terence Biffi racconta la sua esperienza, di come la sua vita sia cambiata in meglio grazie ai viaggi, ai libri e a uno stile di vita più salutare.

“Sei anni fa, quando sono stato lasciato, pensavo che la mia ragazza di allora sarebbe stata la donna della mia vita. Quando è finito tutto mi sono sentito completamente vuoto: non avevo ambizioni, non vedevo un futuro, ero depresso, passavo le mie giornate a piangere nel letto fissando il soffitto”, racconta il ragazzo di Ravenna al Fatto Quotidiano.

Per far fronte al dolore, Terence Baffi ha deciso di comprare un biglietto aereo e di partire tra lo stupore di parenti e amici “che pensavano che non stessi facendo sul serio. La goccia è stata la consapevolezza che stessi buttando via la mia esistenza nel piangermi addosso”.

Da quel momento è iniziato il lungo viaggio di Terence, che ha attraversato Croazia, India, Sri Lanka, Cina, Corea Del Nord, Australia, Myanmar, Indonesia, Malesia, Singapore, Thailandia, Laos, Cambogia, trascorrendo anche un anno in Australia.

Una grande lezione di vita quella di Terence Baffi, secondo cui “essere felici è prima di tutto una scelta. È come la storia del bicchiere mezzo vuoto o mezzo pieno. Il nostro stato d’animo dipende molto anche da come ci poniamo noi verso il mondo esterno”.

Viaggiare non è stato l’unico grande cambiamento nella vita del ragazzo: Terence Baffi infatti ha anche perso 60 chili e ha raccontato come il suo bisogno di mangiare e abbuffarsi dipendesse dalla sua infelicità e non da una vera necessità fisica.

“Quando ho cominciato ad essere felice non sentivo più il bisogno di abbuffarmi. Mentre viaggio sono così pieno di stimoli e di cose che voglio fare che il cibo è diventato poco più che nutrimento”, racconta infatti il ragazzo di Ravenna.

I viaggi di Terence intanto continuano e in valigia con sé porta anche gli appunti per un libro che ha intenzione di scrivere per raccontare la sua esperienza.

Ti potrebbe interessare
Salute / “I vaccini non generano varianti virali”, la Federazione italiana dei medici sfata la fake news
Salute / Allarme di Alessandro Berti: “Chiediamo inclusione sociale, rispetto della persona”
Salute / Scopri le grandi proprietà dell’avocado per la tua pelle
Ti potrebbe interessare
Salute / “I vaccini non generano varianti virali”, la Federazione italiana dei medici sfata la fake news
Salute / Allarme di Alessandro Berti: “Chiediamo inclusione sociale, rispetto della persona”
Salute / Scopri le grandi proprietà dell’avocado per la tua pelle
Cucina / Il caffè: un beneficio in tazza
Salute / Menzietti (ANA): “Il modello italiano di prevenzione per ipoacusici è un’eccellenza, deve restare tale”
Salute / “Ecco quali sono i benefici secondari di Pfizer e Moderna”: lo studio Usa
Salute / Il paradosso dei dispositivi medici ‘su misura’ per persone con disabilità
Cronaca / Rimosse due vertebre, raddrizzata schiena curva di 100 gradi: l’intervento senza precedenti a Bologna
Salute / Ascolta e impara. Le nuove frontiere delle protesi acustiche
Salute / Variante Delta, studi scientifici: “Ecco quanto sono efficaci i vaccini Pfizer e AstraZeneca”