Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Salute

L’inchiostro dei tatuaggi può contaminare i linfonodi del vostro corpo

Immagine di copertina

Molecole microscopiche possono staccarsi e circolare all'interno dell'organismo umano, dice una nuova ricerca. Ma gli effetti sulla salute sono ancora da chiarire

L’enorme diffusione dei tatuaggi ha sollevato nel mondo della ricerca alcuni dubbi sugli effetti provocati da questa pratica sulla salute della pelle. Un nuovo studio, pubblicato sulla rivista scientifica Scientific Reports, mostra per la prima volta le prove analitiche secondo cui le micro e nanoparticelle dell’inchiostro utilizzato dai tatuatori possono arrivare fino ai linfonodi.

I ricercatori dell’European Synchrotron Radiation Facility di Grenoble, in Francia, e alcuni colleghi del German Federal Institute for Risk Assesment di Berlino hanno scoperto con una tecnica a raggi X come queste sostanze possano circolare all’interno del corpo umano.

L’inchiostro dei tatuaggi è infatti composto da particelle microscopiche, con un’ordine di grandezza di una miliardesima parte di centimetro. Oltre a pigmenti organici, sono presenti sostanze conservanti e contaminanti, come il cobalto, il manganese, il cromo e il nichel. Il nero carbone è l’ingrediente più usato, seguito dal biossido di titanio, che è presente anche nelle vernici, nelle creme solari e negli additivi alimentari.

“Quando qualcuno vuole farsi un tatuaggio, sta molto attento a scegliere uno studio che usa aghi sterilizzati”, ha detto al Guardian Hiram Castillo, uno degli autori dello studio. “Nessuno però si preoccupa della composizione chimica dei colori utilizzati, ma la nostra ricerca mostra che si dovrebbe dare maggiore attenzione a questo aspetto”.

Le particelle microscopiche possono raggiungere i linfonodi, ossia gli elementi costitutivi del sistema linfatico, che ha il ruolo di dare una risposta immunitaria immediata a diverse malattie.

I ricercatori hanno trovato la presenza di queste particelle nei linfonodi del collo, delle braccia, delle cosce e dell’addome. In aggiunta, hanno mostrato che la circolazione e il deposito di questi elementi potenzialmente tossici per il corpo umano avviene su lungo termine.

Al momento, però, non si conoscono gli effetti di questo fenomeno sulla salute. Studi precedenti hanno mostrato una correlazione tra la lenta guarigione, il prurito e l’arrossamento della pelle nei tatuaggi fatti con inchiostro contenente le sostanze rilevate in questa ricerca.

Ti potrebbe interessare
Salute / Il Viagra potrebbe prevenire l’Alzheimer: lo studio
Salute / L’allarme di Alessandro Maggi, presidente di Assortopedia: ““Questi livelli di assistenza non tutelano le categorie più fragili”
Salute / Oltre l’ottobre rosa: le testimonianze di donne a cui il cancro al seno ha stravolto la vita
Ti potrebbe interessare
Salute / Il Viagra potrebbe prevenire l’Alzheimer: lo studio
Salute / L’allarme di Alessandro Maggi, presidente di Assortopedia: ““Questi livelli di assistenza non tutelano le categorie più fragili”
Salute / Oltre l’ottobre rosa: le testimonianze di donne a cui il cancro al seno ha stravolto la vita
Salute / Farmacie online: ecco i prodotti più richiesti sul web
Salute / 24 milioni: gli italiani con il mal di pancia sono di gran lunga il primo partito
Salute / Gli integratori per te li suggerisce un’Intelligenza Artificiale
Interviste / Per fare un albero, ci vuole il seme. Per la sanità calabrese, una donna
Ambiente / Coltivare la carne? E’ possibile e lo stanno già facendo
Salute / Pillola anti-Covid, Merck: “Dimezza il rischio di ospedalizzazione e morte”
Salute / Sandro Lombardi, presidente Anifa “È tempo di ricominciare a prendersi cura del proprio udito”