Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 17:54
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Salute

Fumare durante la gravidanza favorisce l’infertilità delle future neonate e le rende più mascoline

Immagine di copertina
Credit: Getty Images

Le tossine del fumo hanno un impatto negativo sullo sviluppo di ormoni femminili

Fumare durante la gravidanza compromette la fertilità delle neonate e le rende più mascoline

Fumare quando si è incinta favorisce l’infertilità della figlia. A dirlo è un nuovo studio, che mostra l’effetto delle tossine del tabacco sul genere sessuale, “mascolinizzando” le bambine già nella pancia materna.

Il dottor Deniz Ozalp Kizilay, coordinatore della ricerca, ha preso in considerazione 100 neonati, 56 femmine e 64 maschi.

I figli di madri che non avevano fumato né prima né durante la gravidanza sono stati inclusi nello studio per un confronto. Le figlie di fumatrici hanno mostrato dosi più alte di testosterone, il principale ormone maschile.

Lo studio si è concentrato sulla distanza anogenitale (AGD), ovvero lo spazio tra l’ano e gli altri organi genitali, che è considerato un biomarcatore dei livelli di testosterone e della capacità riproduttiva di un individuo.

I neonati femmina esposti al fumo prenatale hanno riportato un AGD più lungo. Il dottor Kizilay ha spiegato: “L’AGD è un importante biomarcatore di esposizione androgena fetale e mascolinizzazione intrauterina”.

“L’aumento eccessivo di AGD nelle bambine esposte al fumo materno può indicare un’eccessiva presenza di testosterone che rappresenta un rischio per la salute a breve e a lungo termine, tra cui metabolismo e fertilità”.

In parole povere, fumare se si è incinta favorisce il rischio d’infertilità delle vostre bambine.

I risultati hanno anche dimostrato che le tossine delle sigarette sono dannose per il sistema endocrino. Questo è formato da una serie di ghiandole che producono gli ormoni responsabili per la nostra crescita e il nostro sviluppo, riproduzione, sonno, e umore.

“I dati indicano che le bambine hanno più testosterone ma non come questo sia correlato alla funzione riproduttiva”.

Il team di specialisti ha perciò intenzione di continuare a seguire lo stesso gruppo di bambine durante la crescita, per studiare quali effetti abbia un’alta concentrazione di testosterone sulla loro futura fertilità.

Tra le conseguenze del fumo di sigaretta si conta anche il rischio di nascita prematura, e una peggiore qualità dello sperma nella progenie maschile.

La miracolosa storia di Theo, il neonato sopravvissuto a 25 infarti in un giorno

Ti potrebbe interessare
Salute / I cani allungano la vita ai loro compagni
Salute / Vincenzo Falabella, presidente FISH Onlus ““Le paralimpiadi insegnino alla politica che questo Paese deve diventare accessibile”
Salute / Tornano le domeniche di prevenzione di Nonno Ascoltami! nelle piazze italiane
Ti potrebbe interessare
Salute / I cani allungano la vita ai loro compagni
Salute / Vincenzo Falabella, presidente FISH Onlus ““Le paralimpiadi insegnino alla politica che questo Paese deve diventare accessibile”
Salute / Tornano le domeniche di prevenzione di Nonno Ascoltami! nelle piazze italiane
Salute / “I vaccini non generano varianti virali”, la Federazione italiana dei medici sfata la fake news
Salute / Allarme di Alessandro Berti: “Chiediamo inclusione sociale, rispetto della persona”
Salute / Scopri le grandi proprietà dell’avocado per la tua pelle
Cucina / Il caffè: un beneficio in tazza
Salute / Menzietti (ANA): “Il modello italiano di prevenzione per ipoacusici è un’eccellenza, deve restare tale”
Salute / “Ecco quali sono i benefici secondari di Pfizer e Moderna”: lo studio Usa
Salute / Il paradosso dei dispositivi medici ‘su misura’ per persone con disabilità