Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 13:25
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Salute

Perché gli uomini amano mandare selfie dei propri genitali

Immagine di copertina

Esistono delle ragioni per cui gli uomini sono più propensi a inviare foto dei propri genitali a estranei che non ne hanno fatto richiesta. Uno studio rivela quali sono

Un nuovo studio condotto della Southwestern University in Texas ha messo in evidenza come gli uomini siano più propensi a inviare le foto dei loro genitali ad estranei che non ne hanno fatto richiesta.

Nessuno sembra sapere perché alcuni uomini si sentano obbligati a farlo. 

Per ogni persona che invia foto dei propri genitali cercando di molestare degli estranei, ce ne sono altre che cercano approvazione o attenzione.

Poi c’è l’elemento di audacia che potrebbe essere scambiato per un grande gesto romantico.

È esibizionismo senza rischio. Così almeno scrivono gli utenti su “Revelist” quando sono chiamati a dare le loro vere ragioni sulla prassi. Si sentono sexy a destare una reazione forte.

C’è poi la componente di orgoglio maschile: gli uomini tendono a feticizzare le parti del corpo, soprattutto il pene. Sono certi che un pene eretto sia una immagine erotica che ispira desiderio e comunica virilità.

Un altro elemento che emerge da questo studio è che le donne hanno meno probabilità di inviare foto di nudi agli estranei.

Nonostante ciò, è generalmente considerato meno offensivo quando a farlo sono le donne.

Lo squilibrio dei poteri sessuali tra uomini e donne determina la situazione per cui se sei femmina hai maggiori probabilità di essere punita socialmente, o addirittura ricattata, se invii foto personali e intime. Cosa che accade molto più raramente per gli uomini.

L’esibizionismo può essere divertente, nel giusto contesto consensuale.

Ma, naturalmente, il consenso da entrambe le parti è fondamentale. Il voler inviare imagini sfruttando l’elemento sorpresa rischia di mettere nei guai le persone che intendono comportarsi in questo modo, anche per provare il brivido dell’incertezza.

Inoltre, secondo psicologi e sessuologi, gli uomini tendono ad essere più “visivi” delle donne. La foto del pene non sollecitata resta un modo per far sapere che in quel momento stai cercando sesso: gay ed etero la mandano a tutti, qualcuno ne sarà disgustato, qualcun altro risponderà con entusiasmo al messaggio.

Secondo un recente studio di “Match.com”, le “dick pic”, le foto del pene inviate via smartphone, fanno passare qualsiasi voglia alle donne. Eppure circa il 45% delle donne ha ricevuto un simile scatto da qualche uomo sul proprio telefono. In pratica, sono quasi sempre messaggi non richiesti e non desiderati.

Ti potrebbe interessare
Salute / Tornano le domeniche di prevenzione di Nonno Ascoltami! nelle piazze italiane
Salute / “I vaccini non generano varianti virali”, la Federazione italiana dei medici sfata la fake news
Salute / Allarme di Alessandro Berti: “Chiediamo inclusione sociale, rispetto della persona”
Ti potrebbe interessare
Salute / Tornano le domeniche di prevenzione di Nonno Ascoltami! nelle piazze italiane
Salute / “I vaccini non generano varianti virali”, la Federazione italiana dei medici sfata la fake news
Salute / Allarme di Alessandro Berti: “Chiediamo inclusione sociale, rispetto della persona”
Salute / Scopri le grandi proprietà dell’avocado per la tua pelle
Cucina / Il caffè: un beneficio in tazza
Salute / Menzietti (ANA): “Il modello italiano di prevenzione per ipoacusici è un’eccellenza, deve restare tale”
Salute / “Ecco quali sono i benefici secondari di Pfizer e Moderna”: lo studio Usa
Salute / Il paradosso dei dispositivi medici ‘su misura’ per persone con disabilità
Cronaca / Rimosse due vertebre, raddrizzata schiena curva di 100 gradi: l’intervento senza precedenti a Bologna
Salute / Ascolta e impara. Le nuove frontiere delle protesi acustiche