Covid ultime 24h
casi +16.377
deceduti +672
tamponi +130.524
terapie intensive -9

L’emergenza Coronavirus avrà ripercussioni anche sui rischi di tumori

Di Giovanni Macchi
Pubblicato il 22 Giu. 2020 alle 12:29 Aggiornato il 22 Giu. 2020 alle 12:39
182
Immagine di copertina
Pixabay

Il Coronavirus “ha ritardato tutti i programmi di screening” e quindi in futuro ci sarà un “numero più grande di casi avanzati, meno curabili e meno guaribili” di tumori. Questo è quanto spiegato dal professor Giuseppe Curigliano, direttore della Divisione nuovi farmaci allo Ieo – Istituto europeo di Oncologia a Milano – in un’intervista rilasciata al Corriere della Sera.

Il Covid ha infatti rallentato tutta Italia, compresi i reparti oncologici che si troveranno ad affrontare nuovi casi di cancro in fasi avanzate, penalizzando di fatto la lotta al cancro. “Probabilmente, nei prossimi mesi, quando riprenderanno, ci troveremo di fronte a un numero più grande di casi avanzati, meno curabili e meno guaribili”, ha spiegato Curigliano.

Curigliano, che sarà l’unico ospite italiano al congresso annuale dell’American Association of Clinical Oncology di Chicago (ASCO), si è anche soffermato sul rapporto tra il virus e i tumori: “Il fatto di avere un tumore rappresenta un fattore di rischio che rende più grave l’infezione da coronavirus”. Il professore spiega cosa diventa indispensabile in futuro per riprendere la lotta ai tumori: “Un potenziamento della medicina territoriale, i family doctors , come li chiamano gli anglosassoni. I nostri medici di medicina generale. Quelli che dovrebbero intercettare i segnali di malattia, inviare i pazienti allo specialista, ma poi riprenderseli in carico quando devono seguire le terapie”.

LEGGI ANCHE : Coronavirus, il 41% degli italiani pensa di non vaccinarsi

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

182
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.