Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 00:07
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Salute

Cleptomania, perché alcune persone iniziano a rubare soldi e oggetti senza controllo

Immagine di copertina
L'attrice Winona Ryder ha ammesso di aver avuto un disagio psicologico dopo essere stata colta a rubare. Credit: VALERIE MACON

Rubano per alleviare un disagio, per cercare sollievo ed eccitazione. Chi sono i cleptomani e come aiutarli, spiegato da una psichiatra e psicoterapeuta

La cleptomania è un disturbo che spinge a rubare soldi e altri oggetti senza controllo. Come dimostrano i casi di cleptomani famosi, tra cui l’attrice Winona Ryder, chi ruba in questi casi non lo fa perché si trova in una situazione di bisogno, ma per altre ragioni.

Ma quali sono allora le cause e i sintomi della malattia? Ed esiste una cura per la cleptomania? TPI ne ha parlato con Tiziana Corteccioni, medico psichiatra e psicoterapeuta.

Dottoressa, cosa spinge una persona a rubare senza controllo?

Una persona affetta da cleptomania manifesta un’incapacità di resistere all’impulso di commettere furti mettendo in atto comportamenti disfunzionali finalizzati a raggiungere uno stato di eccitazione desiderato.

Le emozioni provate durante il furto, infatti, possono alleviare sintomi di disagio psichico (quali tristezza e ansia).

La persona che ruba senza controllo solitamente riferisce una tensione crescente prima di commettere il furto ed un piacere o sollievo nel momento successivo all’atto di rubare.

Il furto spesso è seguito da un’intenso senso di colpa e non è motivato da rabbia, vendetta, deliri o allucinazioni.

Ci sono delle cause per cui insorge questo disagio?

Le cause di questo disturbo del controllo degli impulsi sono multifattoriali ovvero legate ad una predisposizione genetica, a fattori ambientali e alla coesistenza di altri disturbi psichici tra i quali il disturbo ossessivo-compulsivo, i disturbi d’ansia, la dipendenza da sostanze stupefacenti, i disturbi di personalità, la bulimia nervosa e i disturbi dell’umore.

Qual è il problema maggiore che affrontano le persone che soffrono di cleptomania?

I soggetti affetti da cleptomania possono andare incontro a conseguenze legali. Questo disturbo, infatti, non incide sulla capacità di intendere e di volere, non menoma il funzionamento dell’io, né il contatto dell’individuo con la realtà.

Il soggetto affetto ruba per alleviare un disagio, per ricercare sollievo ed eccitazione ma è perfettamente consapevole di commettere i furti.

Come dovrebbero comportarsi le persone che vivono vicino a una persona che vive questo disagio?

Fondamentale per questi soggetti è il sostegno da parte della famiglia e degli amici nell’intraprendere un percorso di cura.

Gli individui affetti da questo disturbo, infatti, spesso si rendono conto di aver bisogno di aiuto quando il senso di colpa e la vergogna per i furti effettuati diventano insostenibili.

Esistono dati in Italia sul numero delle persone cleptomani?

In Italia non ci sono dati certi relativi alla prevalenza del disturbo, a differenza ad esempio di altri disturbi del controllo degli impulsi come il gioco d’azzardo patologico.

Dagli studi di prevalenza americani, invece, risultano affetti da cleptomania 1,2 milioni di persone, più comunemente donne.

Cosa consiglia di fare a una persona che si rende conto di avere un problema di questo tipo?

Per una persona affetta da cleptomania fondamentale è iniziare quanto prima la cura più adeguata rivolgendosi ad uno psichiatra psicoterapeuta.

Una volta che il disturbo è stato diagnosticato il trattamento è generalmente di tipo psicoterapeutico e/o farmacologico, finalizzato al controllo degli impulsi e alla remissione degli altri disturbi mentali associati.

Come si affronta questo problema con uno psicoterapeuta?

Tra le psicoterapie più indicate per la cura del disturbo si possono segnalare la terapia cognitivo-comportamentale e la terapia razionale emotiva.

Entrambi i percorsi di psicoterapia sono finalizzati alla regolazione emotiva, al cambiamento dei pensieri e dei comportamenti disfunzionali.

È possibile uscirne?

Con la cura più adeguata alla propria condizione clinica è possibile interrompere i furti e recuperare uno stato di benessere psicofisico.

Ti potrebbe interessare
Salute / Il Viagra potrebbe prevenire l’Alzheimer: lo studio
Salute / L’allarme di Alessandro Maggi, presidente di Assortopedia: ““Questi livelli di assistenza non tutelano le categorie più fragili”
Salute / Oltre l’ottobre rosa: le testimonianze di donne a cui il cancro al seno ha stravolto la vita
Ti potrebbe interessare
Salute / Il Viagra potrebbe prevenire l’Alzheimer: lo studio
Salute / L’allarme di Alessandro Maggi, presidente di Assortopedia: ““Questi livelli di assistenza non tutelano le categorie più fragili”
Salute / Oltre l’ottobre rosa: le testimonianze di donne a cui il cancro al seno ha stravolto la vita
Salute / Farmacie online: ecco i prodotti più richiesti sul web
Salute / 24 milioni: gli italiani con il mal di pancia sono di gran lunga il primo partito
Salute / Gli integratori per te li suggerisce un’Intelligenza Artificiale
Interviste / Per fare un albero, ci vuole il seme. Per la sanità calabrese, una donna
Ambiente / Coltivare la carne? E’ possibile e lo stanno già facendo
Salute / Pillola anti-Covid, Merck: “Dimezza il rischio di ospedalizzazione e morte”
Salute / Sandro Lombardi, presidente Anifa “È tempo di ricominciare a prendersi cura del proprio udito”