Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Salute

Le cause fisiche che aumentano i rischi di depressione

Immagine di copertina

Uno studio condotto da un team di ricercatori statunitensi fa luce su alcune cause di depressione e ansia sociale: problemi che possono partire da semplici infiammazioni

Un’infiammazione può condurre alla depressione. Non a caso, molte persone che soffrono di artrite reumatoide sono considerate a rischio.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Ma è solo con un recente studio scientifico, pubblicato da “Nature Neuroscience”, che è stato possibile riconoscere il suo legame anche con l’ansia sociale.

Un team di ricercatori della Icahn School of Medicine del Mount Sinai Hospital di New York ha analizzato gli effetti fisici dello stress sul cervello dei topi. 24 esemplari di piccole dimensioni sono stati costretti a vivere per dieci giorni a fianco di altri più grandi, considerati dominanti. Se da una parte alcuni di loro non hanno avuto problemi a integrarsi nella nuova realtà, altri hanno maturato atteggiamenti chiusi e insicuri che precedentemente non avevano.

Dopo aver analizzato alcuni campioni estratti dai topi, gli scienziati hanno individuato segni evidenti di infiammazioni cerebrali.

Nei topi più in difficoltà di fronte agli esemplari dominanti è stata riscontrata la presenza di geni che producono una quantità ridotta di claudin-5, una proteina che regola alcune proprietà della barriera emato-encefalica che, come si legge sull’enciclopedia Treccani, “regola selettivamente il passaggio sanguigno di sostanze chimiche da e verso il cervello.”

L’eccessivo stress ha quindi causato l’arrivo al sistema nervoso di sostanze proinfiammatorie in grado di condizionare in maniera evidente il comportamento degli animali e condurre ai primi sintomi depressivi.

Gli stessi livelli bassi di claudin-5 sono stati trovati nei cervelli di 39 persone che, nel corso della loro vita, hanno attraversato fasi depressive.

Le disfunzioni alla barriera emato-encefalica non possono mai essere considerate l’unica causa di depressione, ma comprendere le ragioni fisiche di un male tanto diffuso è un primo passo verso la lotta e la prevenzione.

Ti potrebbe interessare
Salute / Ascolta e impara. Le nuove frontiere delle protesi acustiche
Salute / Variante Delta, studi scientifici: “Ecco quanto sono efficaci i vaccini Pfizer e AstraZeneca”
Salute / Influenza stagionale, l’andamento epidemiologico e virologico 2021
Ti potrebbe interessare
Salute / Ascolta e impara. Le nuove frontiere delle protesi acustiche
Salute / Variante Delta, studi scientifici: “Ecco quanto sono efficaci i vaccini Pfizer e AstraZeneca”
Salute / Influenza stagionale, l’andamento epidemiologico e virologico 2021
Salute / Multicomfort domestico: quanto è importante e come ottenerlo
Salute / I “killer” del collagene
Salute / Assosubamed e Confindustria Dispositivi Medici contro il nuovo regolamento europeo MDR
Salute / ReWriters abbatte i confini del concetto di genere con un nuovo numero tutto dedicato alla salute
Salute / Stanchezza mentale, quali rimedi?
Costume / La felicità è un’abilità, e come tale si può allenare. Ecco come
Costume / Valentina Ferragni: "Soffro di insulinoresistenza. Più grave del previsto"