Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:57
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Salute

L’idea di una giovane regista di New York per combattere la depressione

Immagine di copertina
Elyse Fox/Via Instagram

Elyse Fox, giovane regista newyorkese, ha creato una piattaforma per aiutare le ragazze che soffrono di depressione. Ecco come funziona

Elyse Fox, regista newyorkese di 27 anni, ha fondato, nel 2017, la piattaforma online Sad Girls Club, per mettere in contatto le ragazze che soffrono di depressione.

Se ti piace questa notizia, segui TPI Pop direttamente su Facebook

A dicembre 2016, a seguito di una relazione con un uomo violento, Elyse aveva deciso di realizzare un corto in cui raccontava cosa significasse soffrire di depressione. La ragazza aveva già sofferto in passato di questa patologia e definisce il breve documentario personale come “il suo coming out”.

Il corto ha avuto un grande successo ed Elyse ha ricevuto numerose testimonianze di storie simili alla sua.

Per tali ragioni la giovane regista ha fondato il Sad Girls Club, in cui ragazze che soffrono di depressione possono finalmente sentirsi meno sole. La piattaforma online offre consigli, statistiche e messaggi di supporto per aumentare la conoscenza e la consapevolezza della patologia tra le ragazze.

Elyse ha, infatti, notato che è il senso di solitudine ad accumunare le ragazze, le quali sentono di non avere nessuno con cui parlare e relazionarsi.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

L’obiettivo primario della piattaforma è di ampliare e approfondire il dibattito sulla depressione, per abbattere, finalmente, lo stigma sociale ad essa associato.

Attualmente Sad Girls Club è attivo solo a New York, ma Elyse intende ampliare il movimento in tutti gli Stati Uniti e, eventualmente, nel resto del mondo.

Per tale ragione la giovane regista ha lanciato una campagna su Kickstarter per promuovere il Millennial Mental Health Tour,  dove verrebbero organizzati laboratori e tavoli di discussione in cinque grandi città statunitensi per aiutare le donne ad affrontare le questioni legate alla salute mentale.

Ciò a cui Elyse tiene di più è far capire alle ragazze che soffrono di depressione che non sono sole e che qualcuno può aiutarle.

Ecco il corto in cui Elyse racconta cosa significhi convivere con questa patologia.

Un post condiviso da Sad Girls Club (@sadgirlsclub) in data:

Se questa notizia ti è piaciuta, abbiamo creato una pagina Facebook apposta per te: segui TPI Pop

 

Ti potrebbe interessare
Salute / Neogenitori, la privazione del sonno non è una forma d’amore per nessuno
Salute / Fondazione Internazionale Menarini lancia ON RADAR il laboratorio di pensieri, idee, dialogo
Salute / Poliomielite, Oms lancia l’allarme: “Vaccinarsi il prima possibile”
Ti potrebbe interessare
Salute / Neogenitori, la privazione del sonno non è una forma d’amore per nessuno
Salute / Fondazione Internazionale Menarini lancia ON RADAR il laboratorio di pensieri, idee, dialogo
Salute / Poliomielite, Oms lancia l’allarme: “Vaccinarsi il prima possibile”
Salute / Covid, Moderna fa causa a Pfizer-Biontech: “Ha violato i nostri brevetti con la tecnica mRNA”
Salute / Farmacie online: un trend sempre più di successo
Salute / Burioni sui 12 pazienti guariti dal tumore senza chemio o chirurgia: “Studio lascia a bocca aperta”
Ambiente / È arrivato l’abbonamento cartaceo del settimanale di The Post Internazionale
Interviste / Come avere la pancia piatta e tonica con l’intervento di addominoplastica
Cronaca / Zanzare killer, a rischio i nascituri
Salute / Aborto, l’associazione Luca Coscioni lancia la piattaforma per le segnalazioni anonime sull’applicazione della 194